Scuola all’estero: liceali baresi in giro per il mondo. Bari si scopre cosmopolita

orientation wep

A Caorle l’Orientation che ha accolto circa 1200 liceali in partenza con il programma High School di WEP. Tra gli studenti anche i giovani della provincia di Bari che in estate frequenteranno una scuola straniera

BARI – Si è conclusa ieri la tre giorni di orientamento e formazione promossa da WEP, organizzazione internazionale leader nella promozione di esperienze di studio all’estero per ragazzi. Da venerdì 10 a domenica 12 gli studenti liceali provenienti da tutta Italia si sono dati appuntamento al Villaggio San Francesco a Caorle (VE) per prepararsi all’avventura che inizieranno questa estate. Fra di loro anche una decina di ragazzi e ragazze della provincia di Bari che partiranno per studiare in una scuola straniera, lontano da casa, in una Paese europeo o extraeuropeo. Fornire loro informazioni, conoscenze e curiosità sul paese ospitante era l’obiettivo del team di WEP, impegnato in prima persona a seguire i tanti studenti con numerosi laboratori differenziati per aree geografiche.

Ogni meta ha avuto infatti un percorso personalizzato con attività e contenuti elaborati ad hoc per scoprire cultura, curiosità e aneddoti su quegli aspetti che difficilmente possono essere approfonditi senza un contatto diretto con chi ha già incontrato quelle culture. A seguire il numerosissimo gruppo di futuri exchange, oltre ai membri di WEP, c’erano anche una sessantina di giovani tornati da un programma High School all’estero e 6 di ragazzi stranieri, fra i 15 e i 17 anni, che stanno vivendo questa avventura proprio adesso in scuola e famiglia italiane. Una scelta questa per favorire il confronto fra coetanei, rendendo diretto ed efficace il dialogo e lo scambio.

Dando uno sguardo ai dati, è dal Nord (59%) che proviene più della metà dei giovani viaggiatori, mentre dal Sud e dalle Isole parte l’9,5% dei ragazzi, con i siciliani che si rivelano gli adolescenti meridionali più propensi a trascorrere un anno all’estero. Al Centro, invece, le regioni che registrano una maggiore mobilità sono Lazio ed Emilia-Romagna. Le città con più partenze sono Milano, Roma e Torino, seguite da Trento e Ferrara. Per quanto riguarda le destinazioni, le più gettonate dagli studenti sono Usa (37%), Canada (22%), Australia (15%), seguono poi UK, Nuova Zelanda e Germania. Le altre mete che spiccano sono Spagna, Francia, Messico Argentina e Sudafrica.

WEP è un’organizzazione internazionale al servizio dei giovani, che segue ogni anno circa 5000 ragazzi in partenza dall’Italia verso 65 Paesi e in arrivo nella nostra penisola da tutto il mondo. I suoi programmi comprendono: soggiorni di gruppi scolastici durante l’anno (stage linguistici) o durante l’estate (vacanze-studio); corsi di lingua all’estero; programmi di lavoro, stage e viaggi solidali all’estero; i programmi “High School” per i ragazzi delle superiori per trascorrere un trimestre, un semestre o un anno scolastico all’estero; studi universitari all’estero, in USA, UK, Canada e Australia e Paesi Bassi.