Regione: “nessuno scippo ai danni di Taranto e della sua provincia”

43

REGIONE – L’assessore Giannini replica all’on. Vianello: “L’intervento dell’on. Giovanni Vianello (M5S) relativo alla Strada Statale 7 si basa su una scarsa conoscenza dei fatti e dei provvedimenti adottati. Risulta quindi necessario fare alcune puntualizzazioni che ristabiliscano la verità rispetto a strumentali ricostruzioni dal sapore elettorale.

Gli interventi infrastrutturali che interessano il territorio regionale sono tutti oggetto di una programmazione a medio-lungo termine, che vede il coinvolgimento degli enti locali interessati, nonché del soggetto attuatore che, nel caso delle strade statali, è Anas.

In particolare per quanto attiene ai Fondi stanziati dallo Stato con Delibera CIPE 54/2016 , nella seconda metà del 2018 è stata avviata una attività di riprogrammazione degli interventi resasi necessaria a seguito della disponibilità di alcune economie che, nel passaggio da progetto di fattibilità a progetto definitivo, si erano venute a creare. La riprogrammazione, conclusasi ad Aprile del 2019, come da consuetudine, ha visto il coinvolgimento degli enti locali e di Anas e si è conclusa con il definanziamento dell’intervento “SS7 Lavori di completamento del tronco Matera-Taranto: Lotto 1° Taranto Massafra (stralcio)” di importo pari a 65,50 M€. Un intervento programmato da decenni ma mai avviato, rispetto al quale erano emerse volontà diverse a livello locale tant’è che l’amministrazione comunale aveva provveduto alla realizzazione delle attuali rotatorie, di fatto rendendo non più attuabile l’ipotesi di potenziamento di quell’arteria stradale che ha assunto le sembianze e le funzioni di strada urbana.

Al contempo la citata riprogrammazione ha previsto il finanziamento degli interventi di:

“completamento funzionale e messa in sicurezza tra i km 44+500 e 52+600 (San Basilio) con sezione di tipo B” (doppia carreggiata a doppia corsia) della SS 100, per un importo di 59,5 M€;

“Costruzione della Circonvallazione Ovest all’abitato di Martina Franca” in continuità con la SS 172 dei trulli, anch’esso da realizzarsi da Anas, per un costo di 35 M€;
realizzazione del terzo lotto Tangenziale sud di Taranto” per 50,7 M€;

“Adeguamento della tratta tra lo svincolo della A14 Mottola – Castellaneta ed SS 100 in corrispondenza di San Basilio” SP 23 per 14 M€. In conclusione, a fronte dei 65 M€ previsti per il tronco Taranto-Massafra, sono stati finanziati interventi nella provincia di Taranto per un totale di 159,2 M€. Questo in un’ottica di potenziamento dei collegamenti fra i due versanti della provincia di Taranto e di potenziamento, attraverso la SS 100 e la bretella della SP 23 a San Basilio, dell’intero itinerario bradanico-salentino. Non è da dimenticare al proposito anche il finanziamento, sempre con Fondi statali, questa volta del “Patto per la Puglia” di circa 193 M€ per la realizzazione della strada litoranea Taranto-Talsano-Avetrana, che va ad innestarsi sulla tangenziale sud di Taranto di cui viene finanziato il terzo lotto.

Nessuno scippo dunque è stato perpetrato ai danni della città di Taranto e della sua provincia, ma, al contrario, si è provveduto di concerto con il territorio e l’Anas a rimodulare in maniera più utile le risorse disponibili ed anche a confermare quelle che, come per la Talsano-Avetrana, i soliti bene informati davano per revocate”.