Piano Lab, a Martina Franca dal 12 al 14 agosto è festa della musica

35

Venerdì Concerto per 10 pianoforti; sabato e domenica la due giorni di «Suona con noi» con oltre 270 pianisti provenienti da diverse parti d’Italia e d’Europa.A Ferragosto chiusura del festival a Carovigno con un concerto all’alba nella Riserva Naturale di Torre Guaceto

MARTINA FRANCA (TA) – Alla vigilia della maratona pianistica «Suona con noi», alla quale sabato 13 e domenica 14 agosto parteciperanno a Martina Franca oltre 270 musicisti provenienti da ogni parte d’Italia e dall’estero, il festival itinerante Piano Lab organizzato dall’associazione La Ghironda in collaborazione con Marangi Strumenti Musicali, Steinway & Sons, Schimmel e Fai Scuola, propone venerdì 12 agosto, sempre a Martina Franca, uno «special event» unico e imperdibile, in piazza Plebiscito: un «Concerto per 10 pianoforti» con altrettanti pianisti d’eccellenza di differenti provenienze geografiche. All’appuntamento, che avrà inizio alle ore 21 e verrà replicato alle ore 22.30, parteciperanno interpreti di grande esperienza come Gilda Buttà, solista e camerista di spicco diventata celebre anche per le sue collaborazioni alle colonne sonore di Ennio Morricone (tra cui «La leggenda del pianista sull’oceano»), l’italo-bulgara Victoria Terekiev, distintasi particolarmente nel repertorio novecentesco e dell’est Europa, Alessandro Stella, per anni ospite regolare del Progetto Martha Argerich, Sandro De Palma, virtuoso e depositario dei segreti della scuola di Vincenzo Vitale, nonché il direttore artistico di «Suoni con noi» Luca Ciammarughi, figura che unisce all’intensa attività pianistica una capillare ricerca sui nuovi modi di comunicare e divulgare la musica. A completare la formazione, talenti emergenti del pianoforte come Giovanni Bertolazzi, secondo premio al Concorso «Franz Liszt» di Budapest lo scorso anno, Giacomo Menegardi, altra punta di diamante della nuovissima generazione e Premio Alkan 2021, Emma Pestugia, vincitrice del Gran Prize International Vienna Competition, lo spagnolo José Vicente Riquelme Ros, primo premio al Concorso di Murcia, e il giovanissimo (anche lui pluripremiato) Giorgio Colleoni.

Oltre al famoso «Bolero» di Ravel, appositamente trascritto per quest’orchestra di dieci pianoforti, il programma del concerto prevede una suite di musiche da film di Nino Rota adattata per lo stesso ensemble dal giovane compositore Paolo Catenaccio non solo per celebrare il grande autore di colonne sonore, che con la Puglia ebbe un rapporto privilegiato, ma anche per avviare una ricerca sulle trascrizioni con nuovi nomi del panorama compositivo. Si ascolteranno i temi più amati dai film «Amarcord», «8 e ½» e «Il Casanova» di Fellini, «Giulietta e Romeo» di Zeffirelli e «Il padrino» di Francis Ford Coppola che, per il secondo atto della saga, a Rota valse l’Oscar nel 1975.

Inoltre, sempre venerdì 12 agosto, in piazza XX Settembre, alle 20.30 (con replica alle 22.15), è previsto un concerto degli acrobati del pianoforte, i jazzisti e intrattenitori tedeschi Stephan Weh e Marcel Dorn, che insieme formano il Duo Pianotainment, progetto con il quale si esibiscono a quattro mani in uno spettacolo di respiro internazionale per grandi e piccini dalla forte carica umoristica. Nati rispettivamente nel 1976 a Memmingen il primo e nel 1977 a Kempten il secondo, Weh e Dorn (che in Asia sono conosciuti come Dabao e Xiaobao), hanno iniziato a collaborare nel 1996, ai tempi in cui erano nelle forze armate tedesche ed entrambi avevano già una solida formazione classica al pianoforte. Poi, l’immersione da autodidatti nel mondo del jazz e del blues, generi entrati prepotentemente nei concerti del duo, show al confine della follia che hanno fatto spellare le mani agli spettatori dei Mondiali di Calcio e del José Carreras Vip After Show.

Quindi, sabato 13 agosto (dalle ore 17) e domenica 14 agosto (dalle ore 18), la due giorni di «Suona con noi» con oltre 270 pianisti provenienti da diverse parti d’Italia e d’Europa, tra professionisti, studenti, dilettanti e semplici amatori per una grande festa nel segno del sovrano degli strumenti, con concerti dislocati tra diciassette postazioni nel centro storico di Martina Franca. Attese anche alcune eccellenze del pianismo italiano come la siciliana Cinzia Dato, il pugliese Leonardo Colafelice e, ancora, Massimiliano Grotto, primo premio assoluto al Crescendo International Music Competition (riconoscimento grazie al quale il musicista si è esibito alla Carnegie Hall di New York), una pattuglia del «Concerto per 10 pianoforti» composta da Giovanni Bertolazzi, Gilda Buttà, Alessandro Stella, Victoria Terekiev, Giacomo Menegardi ed Emma Pestugia, i giovani talenti del Conservatorio Rota di Monopoli Giacomo Anglani, Joseph D’Urso e Vito Alessio Calianno, oltre agli storici amici di Piano Lab, William Greco, Mark Baldwin Harris, Dante Roberto e Roberto Esposito.

Prevista anche la presenza di Alessandro Sgobbio, che sarà inoltre impegnato lunedì 15 agosto nell’appuntamento di chiusura del festival con un «Concerto all’alba» (ore 5.15) nella riserva naturale di Torre Guaceto, a Carovigno.

Gli appuntamenti di Martina Franca del 12, 13 e 14 agosto sono tutti a ingresso libero, mentre il concerto all’alba del 15 agosto è a pagamento (biglietti 25 euro, inclusi i diritti di prevendita).

Il programma nel dettaglio è scaricabile dal sito pianolab.me.

Info 080.4301150.