A San Severo un incontro tecnico formativo presso la OP La Prima

san severo

“La filiera del vino: la qualità che cerca competenza” si terrà il 7 giugno presso la sede di Cantine Sangue di Puglia

SAN SEVERO (FG) – “La filiera del vino: la qualità che cerca competenza”. Questo il titolo dell’incontro tecnico di formazione organizzato dalla OP La Prima presso la sede di Cantine Sangue di Puglia Spa a San Severo, in collaborazione con la Vueffe Consulting ed Agriproject, col patricinio della BASF.

L’evento, che si terrà il 7 giugno, rientra tra le attività del programma di azioni approvato dalla Regione Puglia con la Misura 9.1 “Costituzione di Associazioni e Organizzazioni di produttori nei settori agricolo e forestale”. Una occasione di trasferimento di conoscenza per tutti i soci della OP che avranno modo di migliorare la gestione tecnica aziendale (con riferimento esplicito alla difesa) e di conoscere ed implementare le innovazioni, con approcci all’agricoltura di precisione.

Gli obiettivi formativi alla base dell’incontro tecnico sono volti ad apprendere i processi innovativi al fine di migliorare la qualità del prodotto, rispettando un processo di produzione eco-sostenibile. Sono incentrati sull’aggiornamento sulle Norme eco-sostenibili per la difesa fitosanitaria 2019 e sulla formazione sui modelli previsionali e bollettini di difesa.

La qualità parte dal campo: il vero innovatore è il socio produttore, col suo prodotto – afferma il Presidente della OP La Prima, Orazio Garofalo – c’è un trend nella filiera vitivinicola che parte da un bisogno: l’innalzamento della qualità. Per questo, cantine e imprese agricole, sentono la necessità di un affiancamento da parte di una equipe di professionisti che li porti a condurre in maniera moderna il vigneto. Con la OP La Prima stiamo portando avanti un obiettivo, quello di fare rete, di costruire un network che crea sinergie virtuose attraverso una integrazione di competenze. Una rete che si avvale di una cabina di regia, centro nevralgico che trasferisce input verso tutti i nodi, ma che riceve da essi feedback che ne ri-direzionano l’attività. In questa squadra ognuno lavora, con le proprie competenze, con la propria sensibilità, con le proprie attitudini. Una rete che poggia sul produttore, che costituisce l’architrave di questa organizzazione chiamata OP La Prima. E’ il socio che, con la qualità della sua uva, permette di porre in essere strategie di marketing territoriale che legano il prodotto ‘vino’ ad un territorio. La nostra mission è quella di vendere il territorio e le sue eccellenze, nello specifico sia olio che vino. E’ la nostra stella polare che orienta tutte le azioni e le attività all’interno di una strategia ben delineata.

Il cibo e le eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche – continua Garofalo- rappresentano il collegamento con la cultura e con i valori dei luoghi e delle sue radici e costituiscono un’opportunità da cogliere per rilanciare il territorio e la sua economia. Credo, infatti, che sia proprio la ‘trasversalità’ l’elemento vincente dell’enogastronomia, che produce un valore aggiunto per il turismo, per il commercio, per la cultura. L’obiettivo più alto della OP –conclude il Presidente della OP La Prima – è di creare strategie di marketing territoriale che possano far conoscere sia i nostri prodotti, sia i nostri territori e che possano integrarsi in una visione di sviluppo condivisa dalle comunità locali, dai produttori e dai portati di interessi. Per esportare un’immagine vincente del territorio che possa sfociare tra qualche anno in un brand, dobbiamo partire da ciò che costituisce la nostra identità: le eccellenze agroalimentari. Noi siamo qui per questo, per promuovere un prodotto che, grazie anche alle esportazioni, sta diventando simbolo del Made in Italy nel mondo“.

Appuntamento per le ore 18.00 presso le Cantine Sangue di Puglia Spa a San Severo.