“Taranto non è solo l’Ilva. Occorre rilanciare l’identità della città”

62

paolo lattanzio

Oggi in Commissione Cultura alla Camera una risoluzione di Paolo Lattanzio (M5S) per il rilancio della città

TARANTO – Oggi, in Commissione Cultura alla Camera dei Deputati, sarà discussa una risoluzione per il rilancio culturale della città di Taranto. Il primo firmatario è Paolo Lattanzio, portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera e membro della Commissione Cultura e della Commissione Antimafia, il quale chiede al Governo di sostenere e incentivare la cultura come motore di cambiamento e di crescita per Taranto, e getta le basi per un progetto organico e partecipato di rilancio, citando tutti i possibili asset strategici per la città.

Taranto – spiega Lattanzio – porta con sé un’identità intrinseca che necessita di essere riscoperta in maniera attiva. Occorre incentivare un’inversione di rotta, che valorizzi e che racconti Taranto per il suo grande potenziale di realtà positiva, città attiva e dinamica, pronta a reinventarsi. Per questo, nella risoluzione, chiedo al Governo di impegnarsi a creare una cabina di regia per coordinare le diverse progettualità esistenti in ambito sportivo, culturale, ambientale ed economico a favore della definizione di una cornice di indirizzo ed un quadro operativo che abbiano carattere organico. La candidatura della città di Taranto per ospitare i Giochi del Mediterraneo del 2025 è un motore fortissimo per avviare questo cambiamento di rotta“.

Nella risoluzione Lattanzio impegna il Governo a sostenere attività e investimenti che possano dare maggiore slancio alle potenzialità della città di Taranto sia a livello interno che macro-regionale ed europeo e ad adottare tutte le iniziative utili a valorizzare la forte identità di Taranto, esaltando la dimensione culturale e coinvolgendo la cittadinanza e le associazioni sportive e culturali in programmi di valorizzazione e riqualificazione.

Taranto non può essere equiparata solo ed esclusivamente all’Ilva. Sebbene il più grande stabilimento siderurgico d’Europa abbia rappresentato un motore per l’indotto economico della città di Taranto e di tutta la Puglia, esso ha generato anche moltissimi danni: compromissione ambientale e inquinamento innanzitutto, ma anche un deterioramento nella narrazione della città. E noi dobbiamo cambiare in meglio questa narrazione, restituendo a Taranto l’importanza culturale che merita”, conclude il deputato.

Su questo tema presenta una risoluzione anche il deputato Rossano Sasso (Lega), che in riferimento alla candidatura di Taranto per il Giochi del Mediterraneo del 2025 parla di “un’occasione di rilancio e di sviluppo per Taranto e per i tarantini, con riflettori internazionali puntati sulla città che incideranno positivamente su turismo ed economia“.

L’impegno che chiediamo al Governo – prosegue Sasso – è volto soprattutto nella direzione di quello che potrebbe restare al termine di Taranto 2025: infrastrutture, impianti e una bella immagine di una città da tornare a visitare. Il nostro impegno in Commissione Cultura sarà sempre quello di fare il bene dei nostri territori.”