Taranto, Labriola su Ilva

89

“Su Aia Melucci si svincoli da gestione Stefano. Servono coerenza e coraggio”

palazzina Direzione IlvaTARANTO – “Se è vero che la città di Taranto paga sulla propria pelle la scellerata gestione dell’emergenza Ilva da parte del governo nazionale, nei confronti del quale l’ex sindaco Stefano è stato totalmente compiacente, è altrettanto vero che un’amministrazione comunale realmente responsabile, che abbia a cuore in primo luogo la salute e il benessere dei cittadini, non può avere un ruolo passivo in una vicenda tanto complessa e pericolosa. Ben vengano dunque le osservazioni inviate a Palazzo Chigi dal sindaco Melucci in merito alle prescrizioni AIA, alla revisione di quanto previsto a tutela del nostro ambiente, della nostra vita. Il sindaco non si fermi al gesto formale e non si senta già sollevato dalle proprie responsabilità. Come primo rappresentante di una comunità, fortemente danneggiata dall’Ilva così come dall’incuria e dalla superficialità del suo predecessore, porti avanti le istanze dei cittadini, al di là della parte politica alla quale appartiene. Personalmente sono pronta a richiedere e a sostenere, qualora il sindaco lo volesse, una sua audizione in commissione Ambiente alla Camera, per affrontare in modo compiuto una emergenza ormai di vastissime proporzioni. Il bene della città, la difesa del lavoro e della salute, non hanno un colore politico. Il sindaco Melucci ne prenda atto e agisca”, lo dichiara l’onorevole Vincenza Labriola di Forza Italia, componente della Commissione Ambiente alla Camera dei Deputati.