Pesce dall’estero non tracciato, sequestri per 40 tonnellate nel mese di dicembre [FOTO]

31

BARI – Dall’inizio di dicembre la guardia costiera di Bari ha sequestrato 40 tonnellate di prodotti ittici, per un totale di sanzioni comminate pari a 124mila euro, e denunciato 6 persone.

“L’attività ispettiva – spiegano – si è concentrata su piattaforme logistiche di distribuzione e grossisti locali di prodotto ittico, allo scopo di impedire che specie ittiche provenienti dall’estero, prive dei prescritti requisiti di igiene, qualità e tracciabilità, facessero ingresso nel territorio nazionale e fossero quindi commercializzate in modo fraudolento”.

Tra le operazioni più rilevanti c’è il sequestro di 14 tonnellate di teste di rana pescatrice, importate dalla Namibia e trovate in una piattaforma logistica a Matera, in assenza di documenti che ne comprovassero la reale provenienza.

Altre 2 tonnellate e mezzo di seppie provenienti dalla Tunisia sono state trovate presso un grossista a Monopoli, risultato privo delle necessarie autorizzazioni all’esercizio dell’attività, e nei cui confronti è stata disposta dalla Asl anche la chiusura immediata.

Una tonnellata di gamberi rossi provenienti dalla Grecia e privi di documentazione commerciale di accompagnamento è stata rinvenuta su un mezzo sbarcato da un traghetto, nel porto di Bari, e devoluta in beneficienza.