Martano, Trevisi su Centro Analisi

79

“La chiusura favorisce solo le strutture private”

antonio trevisiMARTANO (LE) – “Ancora una volta ribadiamo il no alla chiusura del laboratorio analisi di Martano, un centro che ha sempre funzionato bene e con costi molto più bassi rispetto alle strutture private che sarebbero favorite da questa dismissione. Ci sembra assurdo intervenire sulle poche realtà che funzionano ed essere latitanti sui problemi della Puglia in sanità e negli altri settori”. È quanto dichiara il consigliere regionale del M5S Antonio Trevisi, che questa mattina ha preso parte al sit in di protesta organizzato per dire no alla chiusura del centro analisi del poliambulatorio, la cui dismissione è prevista per 1°febbraio 2017. “La chiusura del laboratorio non consentirebbe di gestire le emergenze – spiega Trevisi – e di monitorare tutte quelle persone, ad esempio chi soffre di malattie cardiache, che hanno bisogno di analisi continue durante le 24 ore. Mi ha sorpreso che ad una manifestazione così importante per i cittadini non ci fosse nessun consigliere regionale di maggioranza, nonostante la presenza di quasi tutti i sindaci del territorio. Bisogna sottolineare che nel poliambulatorio c’è anche una seconda ala costruita con soldi pubblici ma ancora inutilizzata dove è prevista la cura dei pazienti diabetici che richiede anche essa analisi continue. Un monitoraggio con una frequenza tale da richiedere un laboratorio sul posto, non si può pensare di dover trasportare le provette da Lecce a Martano ”.
Trevisi ha depositato in data 19 gennaio 2016 un’interrogazione indirizzata al Presidente Emiliano in cui si chiedeva che la Regione impugnasse in autotutela il Piano di Rimodulazione dell’Architettura Funzionale di Patologia Clinica dell’ASL/LE nella parte in cui è previsto che le prestazioni dei Laboratori di Analisi dei Presidi Territoriali di Assistenza di Martano, Campi Salentina e San Cesareo vengano accentrate su un unico Polo Territoriale ovvero la Cittadella della Salute di Lecce. Un’interrogazione a cui il Commissario Straordinario dell’ASL di Lecce Silvana Melli e il Direttore Sanitario e Amministrativo hanno risposto per iscritto spiegando che “per quanto riguarda il laboratorio analisi di Martano è stata prevista la riconversione in Centro Prelievi e detta riorganizzazione non inciderà sulle modalità di fruizione dei servizi da parte dell’utenza che continuerà a recarsi nelle rispettive sedi per il prelievo e il ritiro dei Referti
Per questo – incalza Trevisi – noi pretendiamo chiarezza da parte della Regione su quello che sta avvenendo nei nostri centri di eccellenza, considerando che la chiusura del centro analisi non risponde a nessun criterio di logicità, efficienza ed economicità. L’organizzazione del Distretto di Martano che nasce ab origine quale struttura sanitaria territoriale e non, come tutti gli altri distretti, quale appendice degli ospedali presenti su quei territori, dimostra emblematicamente la bontà delle linee guida regionali e nazionali che in questi anni hanno previsto il superamento della logica ospedalocentrica ed il rafforzamento della componente territoriale dell’assistenza sanitaria.