Continua l’impegno di Manduria Lab per migliorare la viabilità e la sicurezza urbana

32

impegno manduria lab per sicurezza urbana

I dettagli

MANDURIA (TA) – Questa mattina, una delegazione di Manduria Lab ha protocollato le 1500 firme raccolte nel corso delle tappe domenicali svolte nell’ambito nostra Petizione su Viabilità e Sicurezza Urbana.

Di seguito, si è svolto un incontro con i rappresentanti dell’Amministrazione Commissariale del Comune di Manduria per riferirne le risultanze.

Ad essi – si legge in una nota di Mnduria Lab – abbiamo ribadito con forza la necessità di intervenire sulle istanze oggetto della petizione e suggerito alcune soluzioni, elaborate sia guardando alle buone prassi amministrative, che mediante l’ascolto degli stessi cittadini.
Registriamo, tra le altre cose, l’impegno immediato sull’adozione del servizio di RIMOZIONE COATTA, che verrà attivato in contemporanea alla riattivazione dei parcheggi a pagamento e quello sull’introduzione delle STRISCE ROSA dedicate alle mamme in attesa.

Con altrettanta determinazione, abbiamo chiesto un censimento delle BARRIERE ARCHITETTONICHE suggerendo un intervento risolutivo di quelle maggiormente invasive ed un miglioramento del servizio di controllo dei plessi scolastici per garantire la maggiore sicurezza dei più piccoli, mediante il rilancio del PROGETTO NONNO VIGILE.

Abbiamo inoltre sollevato l’urgenza di un PIANO URBANO DEL TRAFFICO, per una gestione organica ed integrata del traffico veicolare e il superamento delle criticità sviluppatesi a causa delle scelte estemporanee fatte negli scorsi anni, riportando l’esempio di VIA DEI MILLE.

In fine, abbiamo rilevato l’urgenza di dar seguito agli impegni assunti per il ripristino dell’ILLUMINAZIONE PUBBLICA in ampie zone della Città che sono da troppo tempo al buio, esponendo pedoni ed automobilisti a gravi pericoli.

Su tutte queste istanze e su molto altro, continueremo a tenere alta l’attenzione e non mancheremo di assicurare tutte le azioni necessarie nei confronti dell’ente Comunale, finché esse non verranno definitivamente risolte“.