Al Museo Archeologico Nazionale di Canosa di Puglia “Aspettando Ferragosto”

1

museo archeologico nazionale canosa di puglia

Apertura serale straordinaria dalle 20 alle 22.45

CANOSA DI PUGLIA (BT) – Nell’ambito delle giornate di valorizzazione organizzate dalla Direzione regionale Musei Puglia, sabato 14 agosto il Museo Archeologico Nazionale di Canosa propone l’apertura straordinaria serale Aspettando Ferragosto.

Dalle ore 20.00 alle ore 22.45 il sito sarà straordinariamente aperto al pubblico che potrà fruire delle sue sale, come quella degli Archeologi, dove è ancora visitabile l’esposizione #COSEMAIVISTE: MATERIALI DALLE CATACOMBE DI CANOSA, una selezione di reperti rinvenuti nel corso delle indagini archeologiche nel complesso catacombale in località Lamapopoli, organizzate in collaborazione con la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

Informazioni per il pubblico

Orario dell’evento: dalle ore 20.00 alle 22.45 (ultimo ingresso ore 22.00)

Fasce orarie di ingresso: 20.00 – 21.00 – 22.00

Numero massimo di visitatori consentito: 10 persone per ogni fascia oraria

Prenotazione: consigliata tramite l’app ioprenoto (https://ioprenotoapp.com/), via Facebook Messenger alla Pagina @museoarcheologicocanosa, via e-mail all’indirizzo drm-pug.museocanosa@beniculturali.it, telefonicamente al numero 0883-664716

Costo dell’evento: gratuito

Per informazioni: tel. 0883-664716,

email: drm-pug.museocanosa@beniculturali.it,

sito web: https://musei.puglia.beniculturali.it/musei/palazzo-sinesi-canosa-di-puglia/

Con riferimento al DL 23 luglio 2021 n. 105 e alla circolare n. 40 del 27 luglio 2021 del Segretariato Generale e alle indicazioni del Ministero della Salute, per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid19, vengono applicate le seguenti disposizioni per i Paesi appartenenti alle liste A e C (di cui agli elenchi scaricabili dal sito www.viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale):

l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid19 Green Pass (in formato digitale o cartaceo) in grado di attestare, unitamente ad un documento di identità in corso di validità, le seguenti condizioni:

• aver fatto almeno una dose di vaccino tra quelli autorizzati dall’EMA ovvero dall’AIFA (Comirnaty di Pfizer-BioNtech, Vaxzevria di Astrazeneca, Janssen di Johnson & Johnson e Moderna)

• oppure essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle ultime 48 ore

• oppure essere guariti da Covid19 nei sei mesi precedenti.

La Certificazione verde COVID-19 non è richiesta ai bambini esclusi per età dalla campagna vaccinale (al di sotto dei 12 anni) e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica.

Con riferimento agli ingressi dai Paesi Israele, Canada, Giappone e Stati Uniti si precisa che in relazione alle certificazioni vaccinali emesse dalle Autorità sanitarie dei suddetti Paesi, in accordo a quanto indicato dalla Raccomandazione UE n. 2021/912 del 20 maggio 2021, esse dovranno riportare almeno i seguenti dati:

– Identificativi della persona;

– Relativi al tipo di vaccino e alla/e data/e di somministrazione.

Si ricorda che i certificati dovranno essere accettati se in lingua italiana, inglese, francese o spagnola. Nel caso il certificato non fosse stato rilasciato in forma bilingue e non in una delle quattro lingue indicate dall’Ordinanza del ministro della salute del 18 giugno 2021, si ribadisce la necessità che venga accompagnato da una traduzione giurata.

Tale documentazione andrà esibita all’accesso, contestualmente alla misurazione della temperatura.

ATTENZIONE: in mancanza di Green Pass e di un documento d’identità, entrambi in corso validità, non sarà possibile accedere al sito. Per maggiori informazioni www.dgc.gov.it.