Abaterusso e Serio su Ilva

palazzina Direzione Ilva

“Di Maio la smetta di giocare e dica cosa ha in mente per risolvere il problema Ilva tutelando lavoro, ambiente e salute”

BARI – “Il tempo dei proclami e degli slogan è finito. Adesso per Di Maio è giunto il momento di governare, se ne è capace”. È quanto dichiarano Ernesto Abaterusso, consigliere regionale e coordinatore regionale di Art.1-Mdp/Leu e Massimo Serio, Coordinatore provinciale Art.1-Mdp/Leu Taranto.

Ciò che sta succedendo su Ilva – proseguono Abaterusso e Serio – è imbarazzante. È inaccettabile ascoltare oggi, dal Ministro allo Sviluppo Economico, dichiarazioni vuote che non contengono alcuna indicazione precisa in merito al futuro del polo siderurgico tarantino, dei lavoratori e della città ionica. Aspettiamo di sapere quando e come il Governo, il cui unico obiettivo dovrebbe essere quello di dare risposte alla città di Taranto e ai 14mila lavoratori pugliesi coinvolti in questo dramma sociale ed economico, intende uscire dalla politica dello scaricabarile e dei rinvii.”.

Mai come adesso – spiegano gli esponenti di Art.1-Mdp/Leu – è necessario costruire un quadro chiaro che permetta di individuare la soluzione migliore e sostenibile da un punto di vista ambientale, economico e occupazionale se non si vuole mettere alla porta migliaia di lavoratori, impoverire l’industria italiana e relegare il nostro paese, primo produttore di acciaio in Europa, ai margini delle potenze industriali”.

Di Maio e il suo Governo, dunque, battano un colpo! Quello che la Puglia e Taranto chiedono sono risposte e fatti concreti. Il resto sono solo chiacchiere e fumo gettato negli occhi dei poveri elettori che hanno creduto alle promesse dei 5 Stelle e che ancora oggi si ritrovano, a causa del dilettantismo e dell’improvvisazione di chi ci governo, con un pugno di mosche in mano e con una grande incertezza nel futuro” concludono.