Transizione ecologica, a Copertino una scuola a impatto ambientale quasi zero grazie a Consortium Grows

2

 

COPERTINO (LE) – Transizione ecologica, Copertino avrà una scuola a impatto ambientale quasi pari a zero grazie al Consortium G.R.O.W.S – acronimo che sta per “Green Revolution Of Wealth in Salento”, “Rivoluzione Verde Per la Ricchezza del Salento” – che mette insieme 23 comuni del Grande Salento pronti a realizzare interventi “green” finanziati nell’ambito della misura E. L. E. N. A. “Che di fatto”, spiega la sindaca di Copertino Sandrina Schito, “anticipa lo spirito e la mission del PNRR sulla transizione ecologica, dando sostanza ad una sfida che fino a ieri sembrava utopica”.

Stamattina la presentazione del progetto a Campi Salentina, città capofila dello stesso, e adesso, dopo una lunghissima fase di incontri, condivisioni e progettazione, arriva la fase dei bandi di gara di quello che costituisce il primo progetto presentato da una rete di piccoli comuni ad essere accolto in Europa: finora solo le aree metropolitane come Venezia, Genova, Milano, Firenze hanno ottenuto il finanziamento.

Il 21 febbraio, alla scadenza del bando di gara, si inizierà con i lavori: Copertino parteciperà al progetto con la realizzazione di un edificio a classe energetica nZEB, ovvero costruito secondo i principi della progettazione sostenibile e bioclimatica, e sarà la scuola di via Don Rosario Trono.

Ma il progetto complessivo messo in cantiere dalla rete dei comuni del Consortium otterrà un risultato importantissimo, ovvero l’immissione di 6.600 tonnellate di anidride carbonica nell’atmosfera, “e questa”, conclude la sindaca Sandrina Schito, “sarà la sfida culturale vera”.