Torna a Racale “Filofollia”, l’evento che fa “ragionare”

banner filofollia

All’interno di una antica corte, l’evento che fa incontrare le persone e ragionare insieme sui temi di stretta attualità, ma anche temi che parlano di identità

RACALE (LE) – Nel cuore del centro storico di Racale quattro appuntamenti per riflettere insieme su argomenti di stretta attualità, ma anche per ricordare il valore delle nostre radici e della nostra identità. Tra presente e passato, quindi, con lo sguardo rivolto verso il futuro.

Nell’ambito del Festival delle Buone Pratiche di Racale. Città della Follia,ideato ed organizzato dal Comune di Racale, torna “FILOFOLLIA, sul filo della follia, tra arte e filosofia”, un vero e proprio percorso filosofico portato avanti da InDisciplinati – eventi, cultura, spettacolo, Granelli di SabbiaONLUS, Compagnia Témenos Recinti Teatrali, in collaborazione con Dialettica Filosofica e l’ Università del Salento(Corso di Laurea in Filosofia).

A Racale non è difficile vedere uomini, donne e bambini sedersi, d’estate, insieme in un cortile antico, pensare e riflettere su tanti argomenti che riguardano la vita quotidiana di tutti. È un momento privilegiato che riesce a creare comunità e a far crescere una città che considera la follia come un’occasione straordinaria di creatività.

Così nel cuore del centro storico, nella suggestiva Corte di Palazzo D’Ippolito, anche quest’anno sono stati organizzati quattro appuntamenti con INGRESSO LIBERO(23 e 30 luglio, 20 e 27 agosto) per affrontare temi di stretta attualità, ma anche per ricordare il valore delle nostre radici e della nostra identità. Tra presente e passato, quindi, con lo sguardo rivolto verso il futuro.

Tutto questo è FILOFOLLIA. Potrebbe sembrare un’operazione contraddittoria voler parlare di filosofia e follia insieme, ma il progetto madre che fa da utero al progetto filosofico nasce a Racale col nome di “Città della follia”. L’obiettivo è rendere la filosofia argomento di uso comune, pratica familiare e già questo è operazione che sa di folle. Perché in un giardino? Perché in un centro storico e non in un posto istituzionale? Perché ancora più originale è far arrivare la gente a ragionare follemente seduta in mezzo alla natura, in un giardino bello quasi come l’eden.
Il progetto “Racale città della follia” è vincitore dell’Avviso Pubblico triennale per le Attività Culturali della Regione Puglia (FSC 2014-2020 – “Patto per la Puglia”).

PROGRAMMA
23 luglio
Corte di Palazzo D’Ippolito (via Immacolata, Corte I – Racale) alle ore 21.00.
Identità, razza e diritti umani
Prof. Fabio Sulpizio
Prof. Igor Agostini
Introducono Lucrezia Rosano e Giorgio Jules Mastrobisi

30 luglio
Corte di Palazzo D’Ippolito (via Immacolata, Corte I – Racale) alle ore 21.00.
Sovranismo economico e populismo politico
Prof. GugliemoForgesDavanzati
Prof. Giorgio Colacchio
Introduce Carla Maria Fabiani

20 agosto
Corte di Palazzo D’Ippolito (via Immacolata, Corte I – Racale) alle ore 21.00.
Ernesto De Martino e i rimorsi della storia
Prof. Eugenio Imbriani
Prof.ssa Elena Maria Fabrizio
Introduce Anita Pierini

27 agosto
Corte di Palazzo D’Ippolito (via Immacolata, Corte I – Racale) alle ore 21.00.
“…Nel pensier mi fingo”. Leopardi e la filosofia
Prof. Massimiliano Biscuso
Prof. Fabio Ciracì
Introduce Franca Capoti