Taranto, Labriola su Ilva

165

“Bomba ambiental, dopo polveri e fumi anche la schiuma in mare”

palazzina Direzione IlvaTARANTO – “L’Ilva continua a rappresentare per Taranto e per i tarantini motivo di rischio e paura, sia dal punto di vista ambientale che sanitario. Non bastano fumo e polvere a dare inquietudine ai cittadini, in questi giorni di piena estate in riva al mare è arrivata anche la schiuma, che ha raggiunto lo ionio attraverso il canale 1, direttamente dagli stabilimenti. Mentre l’azienda afferma di volere effettuare opportuni accertamenti, e mentre ci auguriamo che l’ASL ne voglia fare autonomamente altri, è del tutto evidente come l’acciaieria sia una vera e propria bomba ad orologeria, pronta a deflagrare sulla città”, lo dice l’onorevole Vincenza Labriola di Forza Italia, componente della commissione Ambiente alla Camera dei Deputati.
I commissari straordinari ci spieghino in tempi rapidi i motivi dell’accaduto non sottacendo alcunché e si assumano le proprie eventuali responsabilità – prosegue Labriola –. E’ evidente a noi tutti come gli impianti dell’Ilva siano vetusti e precari. Ben sappiamo che insieme alla sicurezza dei lavoratori dell’azienda è a rischio la salute dei cittadini. Non sia aggiunga a tutto questo inferno anche la mancanza di sicurezza per i bagnanti”.