Taranto, immobili a rischio

57

Labriola: “A Taranto serve mappatura, pevenzione può evitare tragedie”

ON VINCENZA LABRIOLATARANTO – “Il crollo dell’edificio di Torre Annunziata riaccende drammaticamente i riflettori su un tema che viene talvolta colpevolmente dimenticato dalle istituzioni, nazionali e locali, quello di un patrimonio immobiliare spesso vecchio, fatiscente, nei centri cittadini come nelle periferie. Se è vero che insieme alla Campania la Puglia è una delle regioni italiane con il maggior numero di edifici a rischio crollo, l’ANCE regionale ne individua addirittura 150 mila, è altrettanto vero che non è più possibile aspettare che la soluzione scenda da sola dal cielo. A Taranto, ad esempio, nella città vecchia e non solo, sono evidenti anche ad un primo sguardo alcune situazioni di rischio, anche grave, per l’incolumità di residenti e passanti. Per quanto riguarda il capoluogo ionico rivolgo un invito al primo cittadino neoeletto, Rinaldo Melucci, ad avviare una mappatura dell’intero territorio comunale, con un censimento effettuato anche atraverso la polizia municipale e gli uffici tecnici. Rendere più stringente la normativa di sicurezza è sì importante, ma non sufficiente. Evitare crolli e tragedie è un dovere, ma per poterlo fare è necessario conoscere bene lo stato del patrimonio”, lo dichiara l’onorevole Vincenza Labriola di Forza Italia, componente della commissione Ambiente della Camera dei Deputati.