Regione, contributo da 350mila euro stanziato per le 4 Università Pugliesi

11

REGIONE – “Ammonta complessivamente a 350.000 euro il contributo finanziario che il Governo regionale, nei giorni scorsi, su mia proposta e di concerto con l’Assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese, ha stanziato in favore delle quattro Università pubbliche pugliesi (Politecnico di Bari, Università di Bari, Università di Foggia e Università del Salento) per la realizzazione del Progetto “Riapro-Lab”, finalizzato a realizzare un Laboratorio Strategico Regionale di Ricerca e Qualificazione di materiale per Dispositivi di Protezione Individuale da agenti patogeni (D.P.I.)

Questa iniziativa, molto importante, prende spunto dalla situazione di emergenza derivante dall’epidemia in corso da Covid-19, e punta a sostenere le imprese che intendano riconvertire rapidamente i loro processi produttivi in modo da avviare nel più breve tempo possibile, in caso di necessità, la realizzazione dei D.P.I. anche allo scopo di rendere la Puglia autonoma in questa delicata e strategica produzione, evitando le difficoltà derivanti dall’approvvigionamento dall’esterno o dall’estero.

Per questo il Governo regionale ha ritenuto il Progetto Riapro-Labo, con il Politecnico di Bari come capofila, particolarmente importante per lo sviluppo economico del territorio regionale anche in considerazione del fatto che, così come ha dimostrato la recente esperienza legata alla pandemia in corso, in tutto il Sud Italia c’è una grande carenza di laboratori qualificati per la valutazione e la certificazione, secondo gli standard di legge, di prodotti e materiali, e questo determina un rallentamento nei progetti di riconversione industriale delle imprese pugliesi interessate, a scapito della competitività e, spesso, della loro stessa sopravvivenza.

Da questo punto di vista il Laboratorio promosso dalle Università pubbliche pugliesi può rappresentare un concreto aiuto e il Governo regionale ha inteso sostenere questo progetto stanziando risorse importanti per l’acquisto di macchinari da laboratorio adeguati nonché al fine di realizzare un’analisi a largo spettro su possibili tecnologie e paradigmi per l’autonomia del territorio regionale in caso di eventi inattesi e tanto gravi da comportare la sospensione dei trasporti e degli approvvigionamenti dall’esterno, in modo da non farsi trovare impreparati nel caso di eventuali nuove criticità”. Lo dice l’assessore Borraccino.