Proseguono i lavori del sottopasso di via Conversano a Castellana Grotte

69

sottopasso abbattimento casello ferroviario

Abbattuto il casello ferroviario

CASTELLANA GROTTE (BA) – Ulteriore step per i lavori di realizzazione del sottopasso di Via Conversano a Castellana Grotte. È stato abbattuto il vecchio casello ferroviario. Al suo posto ci sarà, alla conclusione dell’opera, l’accesso carrabile al sottovia. I lavori del sottovia, cominciati nello scorso luglio, sono proseguiti in questi mesi con le indagini per la rilevazione di rischio bellico e con l’avvio della realizzazione del nuovo passaggio pedonale che da via Tratturo Spagnuolo porterà in via Tommaso Fiore. Quest’ultimo sostituirà il vecchio passaggio pedonale di via Don Giovanni Silvestri chiuso dallo scorso ottobre.

Attendiamo con ansia, insieme a tutta la comunità di Castellana, la fine di questi lavori e la consegna di quest’opera di estrema importanza – ha dichiarato il Sindaco Francesco De Ruvo – dopo tanti ostacoli burocratici che non erano stati in passato superati e che, chiaramente, hanno rallentato i tempi per l’avvio del cantiere; adesso si sta lavorando alacremente per completare quest’opera viaria fondamentale per il futuro di Castellana Grotte, che contribuirà a risolvere un problema sentito da quasi cinquanta anni“.

È difficile nascondere l’emozione che si prova nel vedere che, dopo tanti problemi irrisolti che abbiamo ereditato ed affrontato, il cantiere del sottopasso si avvicina sempre più all’avvio degli scavi – ha commentato l’assessore ai Lavori Pubblici Franca de Bellis – questa è per noi una grandissima soddisfazione costata tanta fatica da parte dell’Amministrazione e di tutto lo staff tecnico guidato dal responsabile del settore lavori pubblici, l’Architetto Marcella Marrone. A loro va tutta la nostra gratitudine per l’instancabile lavoro di concertazione diligentemente svolto in questi mesi. Continueremo – ha concluso l’assessore De Bellis- a seguire, supportare e monitorare tutti gli attori interessati alla realizzazione dell’opera fino al termine e alla conseguente consegna che si prevede possa avvenire per la fine del prossimo anno“.