Progetto “Telerehab, un sistema perla tele-riabilitazione domiciliare

7

locandina

Open Innovation, Robotica e Intelligenza Artificiale a servizio della medicina personalizzata. Giovedì 17 dicembre un webinar per illustrare l’innovazione dell’iniziativa che coinvolge anche ESCOOP

CERIGNOLA (FG) – C’è anche ESCOOP di Cerignola tra gli enti coinvolti nel progetto “Telerehab”, l’iniziativa di open innovation finanziata dalla Regione Puglia nell’ambito del Bando Innolabs, in cui medici, ricercatori, tecnici e utilizzatori finali hanno avuto modo di confrontarsi sul delicato tema della tele-riabilitazione domiciliare, proponendo un esempio preliminare per la riabilitazione dell’arto superiore, facilmente estendibile ad altri distretti corporei e generalizzabile come metodologia di tele-riabilitazione.

Il progetto ha visto lavorare in partenariato le imprese Info Solution Spa e 2038 srl società di ICT, la Fondazione Cittadella della Carità di Taranto in qualità di ente del settore sanitario, ed ESCOOP per le realtà del terzo settore.

Domani giovedì 17 dicembre, dalle ore 16.00 alle 17.30, sarà possibile seguire la diretta dell’incontro che racconta l’esperienza del progetto sulla pagina facebook del Cercat e su quella di Medical Excellence TV. Il webinar promosso da AiSDeT ha come titolo: “L’innovazione digitale in riabilitazione nel contesto dell’e-health in Regione Puglia”. Tra i vari interventi previsti, anche quello di Marco Sbarra, Direttore Generale ESCOOP. Le tecnologie wearable miniaturizzate ed il data processing avanzato possono contribuire notevolmente con la raccolta di dati quantitativi ad innovare il settore della medicina fisica e riabilitativa, basato storicamente su scale di valutazione soggettive operatore-dipendente.

Il progetto TeleRehab propone un esempio preliminare per la riabilitazione dell’arto superiore, il cui approccio concettuale è facilmente estendibile ad altri distretti corporei e generalizzabile come metodologia di teleriabilitazione.

Il sistema sviluppato si compone di un braccialetto indossabile con tecnologia wireless in grado di rilevare alcuni parametri di movimento dell’arto superiore durante una sessione di riabilitazione, e guidare sia il terapista durante l’esercizio di riabilitazione sia di fornire un feedback visuale motivazionale al paziente che misuri il suo progresso, e di una piattaforma ICT che raccoglie i dati delle sessioni di riabilitazione e fornisce indicazioni per una tele riabilitazione personalizzata. ESCOOP, dunque, in qualità di ente del Terzo Settore ha avuto come ruolo quello di esprimere gli utilizzatori finali, che avevano inizialmente manifestato il proprio fabbisogno di innovazione in tema di tele-riabilitazione, insieme per realizzare e sperimentare una piattaforma integrata di teleriabilitazione della mano, in grado di impostare e monitorare l’esercizio riabilitativo, e al contempo modellare e gestire

tutto il processo sanitario alla base.

Il sistema è stato pensato per funzionare secondo varie modalità: all’interno in un centro di riabilitazione con il supporto di un operatore sanitario esperto, o direttamente da casa del paziente, in totale autonomia con il monitoraggio remoto di un terapista. Il sistema prototipale è stato sperimentato su oltre 100 pazienti ed operatori sanitari durante il progetto all’interno delle strutture della Fondazione Cittadella della Carità di Taranto. I risultati preliminari ottenuti sono interessanti: i) le rilevazioni dei parametri fisiologici realizzate dagli operatori sanitari sono perfettamente in linea con i dati ottenuti dai sensori indossabili, confermando sperimentalmente la bontà delle misurazioni realizzate dal sistema; ii) il sistema Telerehab è in grado di riportare una serie di parametri aggiuntivi quantitativi utilizzabili per migliorare la tecnica riabilitativa e monitorare il progresso del paziente; iii) il paziente può fruire il sistema in totale autonomia da casa con la supervisione di un operatore sanitario; iv) il feedback ricevuto dagli utenti che hanno utilizzato il sistema è complessivamente positivo; v) gli operatori sanitari hanno ritenuto soddisfacente il grado di accettabilità ed autonomia rilevato nell’utilizzo durante la pratica clinica.

Gli sviluppi futuri prevedono la possibilità di utilizzare ed analizzare i dati raccolti dal sistema Telerehab attraverso sistemi di Intelligenza Artificiale e Machine Learning per riuscire ad estrapolare informazioni prognostiche specifiche per ciascun paziente finalizzate alla personalizzazione della prescrizione terapeutica e, quindi, ad un migliore risultato clinico atteso. Il progetto “Telerehab” si concluderà il 20 dicembre.