Porto di Brindisi: presentato il master di alto livello “Port City School. Per un buon governo e gestione delle città porto”

3

porto di brindisi

Obiettivo, formare nuove figure professionali in grado di gestire Autorità portuali ed Enti locali

BRINDISI – Questa mattina, nella sede di Brindisi dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale (AdSPMAM), si è tenuta una partecipata conferenza stampa nel corso della quale è stato presentato l’avvio di un master di alto livello dal titolo: “Port City School. Per un buon governo e gestione delle città porto”, che si terrà nella città-porto di Brindisi.

Il master è stato presentato alle massime autorità e al cluster marittimo locale dal presidente di AdSPMAM Ugo Patroni Griffi; sono intervenuti: Emma Taveri, assessore al Marketing Territoriale del Comune di Brindisi, Francesco Mastro, rappresentante Regione Puglia in Comitato di gestione; Giovanni Lagioia – UniBa, Port City School Brindisi; Letizia Carrera – UniBa, SUM City School Bari; Gianluca Bozzetti -consulente AdSPMAM; Silvia Sivo -Fondazione Dioguardi; Antonio D’Amore – presidente Camera di Commercio di Brindisi; Gabriele Menotti Lippolis, presidente Confindustria Brindisi; Giuseppe Danese, presidente Distretto Nautico Pugliese; Vittorio Rina- presidente Consorzio ASI Brindisi; Amm. Luca Anconelli, Comandante Presidio Militare di Brindisi e Comandante della Brigata San Marco; C.V. (CP) Fabrizio Coke, Comandante Capitaneria di Porto- Guardia Costiera di Brindisi.

Hanno fatto pervenire il loro video di saluto: l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Alessandro Delli Noci; Antonio Trampus – Ca’ Foscari, Port City School Venezia; Fulvio Lino Di Blasio – – presidente AdSPMAS e Claudio Stefanazzi, capo di Gabinetto del Presidente della Regione Puglia.

A causa di impegni istituzionali sopraggiunti, la viceministra, delle Infrastrutture e Mobilità sostenibile, on. Teresa Bellanova, non ha potuto prendere parte all’iniziativa.

Il master, della durata annuale, sarà avviato nella prossima primavera e le lezioni si terranno prevalentemente nella sede di Brindisi dell’Autorità di Sistema e in altre strutture del territorio. Il percorso didattico ha l’obiettivo di formare nuove figure professionali in grado di gestire le Autorità portuali e gli Enti locali ad esse direttamente connessi, nell’ottica dei nuovi modelli di sviluppo che stanno rivoluzionando il mondo dei porti, sempre più indirizzati verso una crescita eco-sostenibile e un rafforzamento del legame con la città e con il tessuto connettivo sociale.

Le lezioni saranno tenute da docenti provenienti dal mondo delle istituzioni, delle accademie, professionisti ed esperti di livello nazionale e internazionale.

I contenuti didattici del programma sono suddivisi in tre principali ambiti disciplinari, dedicati rispettivamente all’aggiornamento delle competenze istituzionali, giuridiche economiche, logistiche, organizzative e operative della macchina portuale; all’approfondimento delle conoscenze nella pianificazione e progettazione urbana e territoriale; all’introduzione della consapevolezza in termini di politiche sociali, di cultura urbana e di storia che caratterizzano, in modo specifico, l’interfaccia tra città e porto e il sistema territoriale porto-città.

E’ stato il presidente dell’AdSPMAM, Ugo Patroni Griffi, a volere fortemente che la sede del master fosse la città-porto di Brindisi, per la sua importante centralità nel mare Mediterraneo, per gli intensi rapporti di collaborazione con antiche città porto italiane e Venezia in particolare, e per l’attuale determinante fase di transizione in cui si trova.

Il modello della Port City School, ideato dal prof. Antonio Trampus dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e dal prof. Gianfranco Dioguardi della Fondazione Dioguardi, propone una formazione avanzata che mira a integrare le competenze manageriali e organizzative tradizionali con un approccio innovativo di pianificazione, programmazione e gestione dell’ambito portuale orientato all’istituzione di un dialogo costante con la città e l’ambiente che lo ospita.

Il master, promosso dall’Università degli Studi di Bari, è ispirato al modello della Port City School Venezia, già sperimentato nella città lagunare dall’Università Ca’ Foscari con la direzione del prof. Antonio Trampus insieme alla Fondazione Dioguardi e all’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, è ispirato alla SUM – Sustainable Urban Management City School, attiva presso l’Università di Bari in collaborazione con ANCI.