Maxi sequestro di marijuana e di un kalashinikov: arrestati quattro albanesi e un salentino

170

Maxi sequestro di marijuana e di un kalashinikov: arrestati quattro albanesi e un salentino

LECCE – Prosegue l’attività della Squadra Mobile di Lecce finalizzata al contrasto del fenomeno dell’importazione, del traffico e dello spaccio di sostanze stupefacenti. Un maxi sequestro di marijuana è stato operato nelle scorse ore.
Nell’ambito delle attività connesse anche a un’intensificazione di servizi di carattere preventivo e repressivo, gli agenti, nel corso di diversi servizi effettuati tra il capoluogo e le marine di S. Foca e S. Cataldo, hanno arrestato, in 4 distinte operazioni, quattro albanesi e un italiano, responsabili della detenzione di grossi quantitativi di marijuana, eroina e del micidiale fucile automatico AK47, di fabbricazione cinese.
In particolare, nella prima circostanza, il personale operante procedeva al controllo di un’autovettura di grossa cilindrata con a bordo due albanesi di 50 e 27 anni, residenti nel nord Italia; gli stranieri, all’interno del vano portabagagli, occultavano alcuni sacchi contenenti marijuana per complessivi 70 kg, nonché un fucile tipo AK 47 kalashnikov con relativo munizionamento.
Sempre nel medesimo contesto investigativo, in una seconda operazione veniva sottoposto a controllo un altro albanese, di 38 anni, alla guida di un mezzo di soccorso; dall’ispezione del cassone dell’articolato, veniva rinvenuta marijuana per complessivi 130 kg.
In un terzo intervento gli agenti della Squadra Mobile intervenivano per controllare una terza auto, condotta da un altro albanese, un 23enne proveniente anch’egli dal nord Italia, trovato in possesso di 100 kg di marijuana.
A riscontro dei numerosi sequestri di droga effettuati, il personale operante procedeva al controllo di un’area rurale ubicata nel territorio di Acaya, dove, nascosto tra la vegetazione, veniva rinvenuto e sequestrato un ulteriore ingente quantitativo di marijuana, risultato essere di 500 kg circa.
Infine a Racale, il 25 novembre scorso sempre nell’ambito di medesimi servizi di prevenzione e repressione, finiva in manette un 47enne leccese, che a seguito di perquisizione personale veniva trovato in possesso di gr. 250 di sostanza stupefacente del tipo eroina.
Tutti gli arrestati sono stati condotti presso la locale Casa Circondariale, a disposizione del pm Licci.