MareAperto, il 27 marzo nuovo appuntamento della rassegna

5

In diretta Facebook un set acustico di Massimo Donno e “Land-Escapes” di Giovanni Chirico

PUGLIA – Un set acustico del cantautore Massimo Donno e “Land-Escapes” del sassofonista Giovanni Chirico sono gli ospiti del nuovo appuntamento di MareAperto. Sabato 27 marzo alle 19 in diretta streaming su Facebook (pagina MareAperto) prosegue infatti l’undicesima edizione della rassegna di musiche di confine organizzata dall’associazione culturale Manigold in collaborazione con Fondo Verri e BlogFoolk con il sostegno del Programma Straordinario 2020 in materia di Cultura e Spettacolo della Regione Puglia. La rassegna – che nel 2020 ha anche promosso la prima edizione dell’omonimo Premio – nasce dall’esigenza di indagare sulle matrici comuni condivise dalle culture dei paesi appartenenti all’area Adriatica con la partecipazione di numerosi progetti di ricerca sulle musiche di confine.

La serata si aprirà con il set acustico di Massimo Donno, cantautore salentino che si divide da diversi anni tra scrittura e musica, progetti inediti e teatro. Dopo “Amore e Marchette” (Ululati/Lupo Editore, 2013) e “Partenze” (Visage Music, 2015), prodotto dall’organettista Riccardo Tesi, che i giurati del Premio Tenco inseriscono nella rosa dei migliori 50 album italiani dell’anno, Donno nel giugno 2017 pubblica “Viva il Re!” (Squilibri Editore/Visage Music 2017). Il disco – che ospita Gabriele Mirabassi e la cantante Lucilla Galeazzi – contiene brani tratti dai due album precedenti e alcuni inediti, riarrangiati da Emanuele Coluccia per La Banda de Lu Mbroia, un’orchestra di venti elementi. Il disco risulta, per Smemoranda.it, uno dei migliori album indie del 2017 mentre l’autorevole Giornale della Musica lo inserisce tra le migliori 20 uscite di world music dell’anno. Nel corso degli anni Donno ha collaborato, tra gli altri, con Alberto Bertoli, Luciano Melchionna, Juan Carlos “Flaco” Biondini, Mirko Menna, Maurizio Geri, Alessandro d’Alessandro. Donno – che nel 2019 ha conquistato la seconda edizione del “Premio Castrovillari d’Autore” – è tra i trentanove interpreti di “Io credevo. Le canzoni di Gianni Siviero” (Squilibri Editore), omaggio a uno dei più originali cantautori italiani, che ha conquistato la Targa Tenco 2020 come miglior progetto collettivo (ex aequo con “Note di viaggio – Capitolo 1: Venite avanti…” dedicato a Francesco Guccini).

A seguire “Land-Escapes” di Giovanni Chirico. “Paese che vai, usanza che trovi”: così si diceva in giro quando si toccava l’argomento dei “confinanti”. Land-Escapes è la storia di un ragazzino che si innamora della musica tra le strade del suo paese. Luogo che tanto unisce quanto respinge, e che nel frattempo segna. Luogo da cui il ragazzino fugge, ma nulla funziona. Qualcosa lo riporta sempre lì, fino a che non scoprirà che la sua terra è lo stesso luogo da cui ripartire. Giovanni Chirico è un sassofonista di paese doc: dalla banda alla musica classica, dal jazz alla world music, alla sperimentazione di nuove sonorità grazie all’utilizzo “differente” del sassofono, tutto unito dall’improvvisazione.

L’Associazione Manigold, attiva dal 2002 ha istituito in questi anni numerosi percorsi originali di studio e di ricerca nell’ambito delle tradizioni musicali dei paesi del Mediterraneo, sostenendo progetti artistici e formativi che investono diversi settori: la musica, il teatro, la danza, le arti pittoriche, le nuove tecnologie, la multimedialità. L’associazione ha prodotto e sostenuto negli ultimi vent’anni progetti affermati nel panorama internazionale e percorsi formativi e artistici con una spiccata propensione inclusiva e multiculturale: BandAdriatica, Giovane Orchestra del Salento, La Répétition / Orchestra Senza confini, Adria, Tukrè, Progetto Seme, Tabulè, Manigold, Orchestra Popolare di Puglia. Si occupa principalmente di produzione di spettacoli, management, organizzazione di eventi e rassegne (MareAperto, Nostos, Galatinarte), laboratori e corsi di sperimentazione.