Bari, sopralluogo del sindaco sul cantiere del waterfront

Sopralluogo avvenuto ieri mattina

sopralluogo waterfront bariBARI – Ieri mattina il sindaco Antonio Decaro ha effettuato un sopralluogo sul cantiere per la realizzazione del waterfront di Fesca-San Girolamo. Accompagnato dall’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, dal rup del procedimento Claudio Laricchia, dal presidente del III Municipio Massimiliano Spizzico e dai consiglieri comunali componenti la commissione Lavori pubblici, il sindaco di Bari ha voluto verificare lo stato di avanzamento dei lavori, ripresi qualche giorno fa dopo una breve interruzione.

I lavori stanno procedendo speditamente – ha commentato il sindaco Decaro -. Ora siamo in possesso di tutte le autorizzazioni necessarie sia per gli interventi da realizzare a terra, per cui è stato approvato il piano di monitoraggio ambientale, sia per quelli che a breve cominceranno in mare, dove saranno realizzate le barriere frangiflutti. Sono infatti terminate le attività legate alla verifica di eventuali presenze di mine sul fondale, obbligatorie a Bari, quando si realizzano grandi opere a ridosso del mare. Speriamo che tutto vada per il meglio e che vengano rispettati i tempi previsti dal cronoprogramma. La cosa che più ci interessa è terminare l’opera nel più breve tempo possibile, lo dobbiamo ai cittadini e in particolare ai residenti che aspettano da decenni questo intervento straordinario per il quartiere”.

Oggi – ha spiegato Galasso – abbiamo potuto verificare che anche i lavori di realizzazione della fogna bianca proseguono velocemente. Sono interventi che rappresentano una novità per questo tratto di strada atteso che il lungomare esistente non disponeva affatto di condotte di fognatura bianca. Per quello che sorgerà e che sarà interamente pedonalizzato, invece, sono già stati posizionati le prime tubazioni della fogna. Se tutto procede come previsto, per l’inizio del nuovo anno, inoltre, potremo assistere già all’esecuzione degli interventi in mare con il posizionamento delle prime porzioni di scogliera”.