Bari, mercati cittadini: aperture straordinarie per le festività

5

BARI – Si è svolto ieri l’incontro tra l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone e le organizzazioni sindacali dei mercatali, utile a definire il calendario delle aperture straordinarie dei mercati in occasione delle festività.

Per quanto riguarda il mese di dicembre le aperture straordinarie approvate sono:

· domenica 5 dicembre – mercato settimanale del martedì sito in via Vaccarella;

· mercoledì 8 dicembre – tutti i mercati settimanali previsti nella giornata del mercoledì (Santo Spirito, Torre a Mare e via caduti Partigiani);

· domenica 12 dicembre – mercato settimanale del venerdì in via De Ribeira – San Paolo;

· domenica 19 dicembre – mercato settimanale del giovedì in via Salvemini;

· domenica 26 dicembre – mercato settimanale del sabato in via Madre Teresa di Calcutta.

A seguire, per l’anno 2022, le giornate di apertura straordinaria in occasione delle festività sono:

· domenica 2 gennaio – mercato settimanale del sabato in via Madre Teresa di Calcutta;

· giovedì 6 gennaio- mercato settimanale del giovedì in via Salvemini;

· lunedì 25 aprile – mercato settimanale del lunedì in via Portoghese;

· giovedì 2 giugno – mercato settimanale del giovedì in via Salvemini.

L’amministrazione comunale si è riservata di valutare ulteriori richieste pervenute dagli operatori su alcune aperture straordinarie in occasioni di prossime festività.

Abbiamo accolto favorevolmente le nuove richieste di apertura straordinaria dei mercati in occasioni di alcune giornate di festa, perché crediamo da sempre che lo svolgimento del mercato sia un’occasione di lavoro per gli operatori ma anche di acquisto a prezzi calmierati per tanti cittadini – spiega l’assessora Carla Palone –. Nella nostra città, soprattutto a ridosso delle feste, il mercato è anche un rito legato ad alcune tradizioni culinarie e popolari che ci piacerebbe sostenere perché parte della nostra identità. Ci auguriamo che siano tanti i cittadini che vorranno frequentare le nostre piazze sostenendo il lavoro degli operatori che hanno scelto di lavorare, nonostante il giorno di festa“.