Bari, abbattuti i primi muri degli edifici della ex Fibronit

68

Decaro: “Ogni pietra caduta è simbolo di vita. Giornata storica per la città di Bari”

fibronitBARI – Questa mattina il sindaco Antonio Decaro si è recato sul cantiere per la bonifica definitiva della ex Fibronit per assistere alle operazioni di demolizione dei primi muri degli edifici contenenti amianto (negli intonaci e nelle malte) confinati all’interno delle tensostrutture realizzate per eseguire i lavori in totale sicurezza.

A seguito della realizzazione e collaudo del confinamento statico e dinamico delle tensostrutture, dopo la “prova fumi” eseguita in presenza di tecnici ASL, infatti, hanno preso avvio oggi le operazioni di demolizione delle strutture che del cosiddetto blocco “D”.

È stata un’emozione indescrivibile vedere cadere i muri di quella che per oltre 50 anni è stata per Bari la fabbrica della morte – ha commentato il sindaco Antonio Decaro -. Questa fabbrica oggi davvero non ci fa più paura. Ogni pietra che viene giù rappresenta la vittoria della vita sulla morte. Per ognuna di queste pietre cadute pianteremo un albero o un fiore nel parco che sorgerà in questo luogo al termine della bonifica.

Nessuno restituirà la vita alle famiglie delle persone che hanno perso i propri cari a causa dell’amianto della Fibronit. Ma il dovere della politica è restituire almeno un orizzonte di speranza, quella che vorrei vedere negli occhi dei ragazzi di Bari.

Alle mie figlie, a chi mi chiederà un giorno a cosa sarà servito fare politica, io risponderò “ad abbattere i muri della Fibronit, una fabbrica di morte, e a sostituirla con un parco, che è un inno alla vita””.

Tecnicamente quella realizzata oggi è una demolizione “controllata”, che è stata eseguita utilizzando pinze e cesoie idrauliche montate su escavatori, così da garantire l’assenza di vibrazioni al suolo e sull’edificio, la riduzione dei rumori e delle polveri e la possibilità di raggiungere altezze superiori ai 20 metri.

Per la demolizione di questo primo blocco di edifici si stima che saranno necessari circa 40 giorni; a seguire si procederà ad analoga demolizione degli edifici del blocco “C”.

I lavori della bonifica totale termineranno negli ultimi mesi del 2018.

Queste operazioni avvengono oggi, venerdì 20 giugno 2017, a 10 anni esatti di distanza dal primo concerto, “Dal veleno al sereno”, organizzato dall’amministrazione comunale guidata dall’allora sindaco Michele Emiliano e dall’assessora all’ambiente Maria Maugeri nell’area della Fibronit al termine delle operazioni dell’intervento di messa in sicurezza che restituì l’area alla città.