“Classica in un soffio”, il concerto del Flart Quartet a Castellaneta

75

 

Presso la Civica Scuola di Musica “Arcangelo Corelli”, il 25 febbraio l’evento che conclude  “Sentire … il volontariato”

CASTELLANETA – Con il concerto “Classica in un soffio”, un evento con ingresso libero,  in programma alle ore 18.00 di sabato 25 febbraio, presso la Civica Scuola di Musica “Arcangelo Corelli” di Castellaneta, si conclude l’iniziativa “Sentire … il volontariato”.

Alla manifestazione interverrà, grazie alla partnership con il Club per l’Unesco di Taranto, una delegazione Unesco Romania della Fondutia Maria di Bucarest, formata da professionisti e professori universitari in visita in Puglia ad alcuni siti patrimonio mondiale dell’umanità Unesco.

Il concerto di Castellaneta proporrà un programma con brani di Bizet, Gluck, Rimskij-Korsakov, Pchelbel e altri autori del repertorio classico, arrangiati per un ensemble variegato e sorprendente dal punto di vista tecnico e timbrico, grazie alla presenza di tutti gli strumenti della famiglia dei flauti, dal flauto basso all’ottavino.

Protagoniste del concerto saranno le musiciste del “Flart Quartet” dell’Associazione Flart di Taranto: Caterina D’Elia, Natalia Bonello, Palma di Gaetano e Nicoletta Di Sabato; le artiste proporranno sonorità particolari ed inusuali, un modo nuovo per far conoscere e promuovere il volontariato attraverso il “Sentire” delle Arti e… della Musica in particolare.

“Sentire … il volontariato”, infatti, è una rassegna promossa da una rete di Enti del Terzo Settore, composta principalmente da organizzazioni di volontariato, che ha inteso così far conoscere alcune attività di volontariato svolte anche in ambito culturale, nonché promuovere sul territorio le arti e la musica.

La rete è composta da Associazione Culturale “Marco Motolese”, Gruppo Anonimo 74 Monteiasi, Unicef Taranto, Unicef Sezione di Castellaneta, Associazione Flart Taranto, e si avvale della collaborazione del Club per l’Unesco di Taranto e della Civica Scuola di Musica “A. Corelli” di Castellaneta diretta dal M° Francesco Maria Spada.

L’iniziativa è realizzata nell’ambito delle “Idee di rete per … promuovere il volontariato”, azione promossa dal Centro Servizi Volontariato della provincia di Taranto.

“Sentire … il volontariato”

L’iniziativa “Sentire … il volontariato” vuole promuovere il volontariato attraverso il “Sentire”, inteso non solo come “Provare una sensazione fisica provocata da stimoli interni o esterni, avvertire”, nel senso etimologigo del termine, ma anche, in senso ampio, come avvertire un qualsiasi stato di coscienza indotto in noi dal mondo esterno attraverso i sensi o un qualsiasi stato affettivo insorgente nell’animo.

Fattori come scoprire, provare e assimilare il sentimento di donarsi agli altri e impegnarsi per gli altri, dare e ricevere nello stesso tempo, acquisire la consapevolezza dell’opera del Volontariato e le finalità che ogni associazione persegue, possono raggiungere gli utenti attraverso il canale preferenziale, diretto e universale della Musica che ravviva e sottolinea valori quali il dialogo, la solidarietà e la Pace.

La scelta di una Rete composta da Associazioni che operano anche nella provincia di Taranto, precisamente a Castellaneta e Monteiasi, mira a decentrare le attività di Volontariato rispetto al capoluogo di Provincia e a vivacizzare la “vita culturale” in due territori che non vivono l’intenso fermento artistico sviluppato, ormai da qualche anno, nella Città dei Due Mari.

L’evento attrattivo che permetterà in maniera diretta e facilitata la conoscenza o la riscoperta degli ETS menzionati, sarà la Musica.

Il primo appuntamento, svoltosi il 29 dicembre nella Chiesa di San Giovanni Battista a Monteiasi, si è articolato nella presentazione/descrizione degli ETS intervenuti, con particolare attenzione all’Associazione Gruppo Anonimo 74, che opera nella città di Monteiasi da decenni, vicina alla popolazione del territorio con la sua Biblioteca, inserita in “Biblio in Rete” con capofila la Biblioteca “Acclavio”, e con numerosi progetti rivolti agli alunni delle scuole e agli adulti.

È stata presentata anche Associazione Marco Motolese, l’associazione presieduta da Carmen Galluzzo, che da ben 24 anni lavora sul territorio provinciale, regionale e nazionale, ha realizzato più di 380 manifestazioni tra convegni, concerti e mostre grafiche.

A seguire il Concerto del Trio Classico/Swing composto da Palma di Gaetano – flauto, Giordano Muolo – clarinetto, Ciro Galeone – chitarra.

Il Trio, nato con l’intento di affrontare un repertorio vicino alla musica classica e non, ha proposto al pubblico un insieme di stili musicali che, attraverso più di due secoli di storia, è partito dal repertorio barocco per raggiungere brani che appartengono al nostro bagaglio musicale, includendo anche famose melodie natalizie.

La “natura” del Trio dedica particolare attenzione ai brani della tradizione swing e jazz, nata in America e sviluppatasi in tutto il mondo, Italia compresa, grazie alla presenza del chitarrista Ciro Galeone, eclettico musicista classico e jazz, autore di numerosi arrangiamenti eseguiti.

Nell’appuntamento del 25 febbraio a Castellaneta ampio spazio sarà dato ad Associazione Unicef, costituita secondo la normativa del Terzo Settore, con la denominazione di Comitato Italiano per l’Unicef – sede staccata a Taranto dalla quale dipende anche la sezione di Castellaneta; l’Unicef, sempre collaborativa e propositiva, ha accolto l’invito di divulgare il proprio operato e quello delle Associazioni partner nella città di Castellaneta con un’attività artistico-musicale poiché, in numerose occasioni, si è dimostrata attenta e sensibile all’Arte in ogni suo forma e alla promozione della Cultura.

Protagonista del concerto sarà il “Flart Quartet” delle musiciste dell’Associazione Flart di Taranto che, fondata da artisti della provincia di Taranto, Bari, Brindisi e Matera, ha come obiettivo primario la divulgazione della cultura, soprattutto musicale, attraverso attività didattica, concertistica e di formazione.