1000 ulivi in più in Puglia: il successo di “Piantiamo il Futuro”

28

cerignola piantiamo il futuro

A Cerignola gli alberi di Giuseppe Di Vittorio, ultime tappe a Monteleone e San Nicandro. In tutta la regione, coinvolte 100 scuole, 2mila insegnanti e 50mila studenti

CERIGNOLA (FG) – Due nuove piante d’ulivo sono state messe a dimora nella sede della Camera del Lavoro di Cerignola, a pochi metri dal busto monumentale dedicato a Giuseppe Di Vittorio. Sabato 28 febbraio, il progetto “Piantiamo il Futuro” ha fatto tappa nella città del più grande sindacalista italiano di tutti i tempi. Domani, 3 marzo, la campagna di sensibilizzazione ambientale promossa dallo SPI Cgil Foggia approderà a Monteleone di Puglia, infine il 6 marzo arriverà a San Nicandro Garganico. “Abbiamo avuto un riscontro eccezionale che è andato oltre le nostre più rosee aspettative“, ha spiegato Gianni Forte, segretario generale SPI Cgil Puglia, tracciando il bilancio di un’esperienza che in Puglia ha coinvolto circa 90 volontari, 100 scuole, 2000 insegnanti e 50mila studenti dalla Capitanata alla Bat, dalla provincia di Bari a quelle di Brindisi, Taranto e Lecce. “Con le ultime tappe della campagna“, ha dichiarato Franco Persiano, segretario provinciale SPI Cgil Foggia, “nella nostra provincia arriveremo ad aver messo a dimora 200 nuovi alberelli d’ulivo, mentre in tutta la regione le giovani piante affidate agli studenti saranno complessivamente 1000“. A Cerignola, oltre ai dirigenti regionali del Sindacato Pensionati Cgil, erano presenti Giovanni Marinaro, coordinatore della Camera del Lavoro di Cerignola; Vincenzo Pugliese, presidente della Cooperativa Sociale Altereco; Vittorio Cucci, presidente provinciale AUSER Foggia; Gianni Palma, segretario provinciale CGIL Foggia. Il tour di “Piantiamo il Futuro”, iniziato alcune settimane fa a San Severo, dopo la città dell’Alto Tavoliere è approdato a Foggia, Manfredonia, Apricena e Cerignola. Il 3 marzo, sono in programma nuove piantumazioni d’ulivo anche a Monteleone di Puglia, mentre il 6 marzo sarà la volta di San Nicandro Garganico.