Foggiano perseguita per mesi la ex, lei lo fa arrestare inviando una sua foto alla Polizia

PESCARA – Agli inizi di dicembre, una 44enne pescarese aveva denunciato ai poliziotti della Squadra Mobile che, da quasi tre mesi, era vittima di una serie di attività persecutorie da parte del suo ex fidanzato, un uomo di qualche anno più giovane originario della provincia di Foggia, che, non accettando la fine della loro relazione sentimentale, la molestava e la minacciava con frequenti telefonate e messaggi, talvolta recandosi anche presso il luogo di lavoro o sotto casa per importunarla pesantemente.

Alla luce di quanto sopra, è stata subito avviata una mirata attività di indagine che, ieri sera, ha consentito di arrestare lo stalker, colto nella flagranza del reato di atti persecutori, essendo stato sorpreso a telefonare e inviare messaggi alla ex nelle vicinanze della sua abitazione.

L’uomo è stato poi localizzato e ammanettato nell’atrio della stazione ferroviaria, poco dopo aver acquistato un biglietto per fare rientro in Puglia, grazie a una foto che la vittima, per facilitarne le ricerche, aveva inviato tramite Whatsapp a un equipaggio della Squadra Mobile, a cui aveva anche riferito che, durante l’ultima telefonata molesta, aveva sentito in sottofondo l’annuncio di un treno in partenza. L’arrestato è stato portato in carcere su disposizione del pm di turno, la dott.ssa Barbara del Bono.