Xylella, Abaterusso (LeU/I Progressisti): “Servono interventi forti e urgenti per il bene dell’agricoltura pugliese”

19

 

Le dichiarazioni del rappresentante di LeU/I Progressisti

BARI – “Di fronte al dramma della Xylella serve un piano straordinario che preveda 500 milioni per dare ristoro agli agricoltori colpiti, serve facilitare le pratiche per gli espianti e prevedere dei contributi per i reimpianti. Occorre una decontribuzione quinquennale così come la costituzione di un fondo di rotazione per garantire immediata liquidità alle imprese. Infine, servono interventi urgenti per le cooperative, i frantoi e i vivaisti“. È quanto chiede il Presidente del Gruppo consiliare LeU/I Progressisti in Regione Puglia, Ernesto Abaterusso, intervenuto questa mattina all’Assemblea sulla Xylella convocata presso la Provincia di Lecce.

Gli agricoltori non possono essere lasciati soli davanti a una simile catastrofe. Per far fronte all’emergenza serve che Governo, Regione e Comuni pongano in essere ogni utile iniziative. Lo diciamo da tempo, lo abbiamo ribadito oggi chiedendo, ancora una volta a gran voce, un piano straordinario di interventi che assicuri maggiori garanzie e tutele agli olivicoltori pugliesi” prosegue Abaterusso.

La Puglia e il Salento hanno atteso fin troppo tempo che i diversi Governi si occupassero dell’emergenza Xylella, ma quello che abbiamo visto fino ad ora sono solo annunci vuoti e un decreto approvato in tutta fretta che non risolve nessuno dei problemi del mondo agricolo. Un immobilismo imbarazzante quello del Governo al quale si aggiunge l’assenza totale dei politici eletti in provincia di Lecce che hanno disertato un appuntamento, quello di oggi, che doveva e poteva essere occasione di confronto costruttivo. Un’assenza che da la misura di quanto i rappresentanti della maggioranza di governo abbiano a cuore i problemi del territorio” aggiunge il Capogruppo di LeU/I Progressisti.

Chiediamo pertanto che si volti pagina e si lavori insieme per individuare soluzioni unitarie, forti e urgenti, attribuendo ai Sindaci un ruolo di primo piano nell’attuazione delle norme. A loro, che per protesta verso l’insensibilità del Governo nazionale, su proposta del Sindaco di Uggiano La Chiesa Salvatore Piconese, rassegneranno simbolicamente nelle prossime ore le loro dimissioni, va tutta la nostra solidarietà Ai cittadini, invece, chiediamo di avviare una mobilitazione permanente al fianco degli agricoltori per il bene di un comparto che non merita di essere lasciato solo” conclude Abaterusso.