Tavole di San Giuseppe 2023 e Mercatino del Gusto a Minervino di Lecce

391

Dal 17 al 19 marzo 2023 incontri, laboratori, stand enogastronomici e i tredici Santi con i piatti della tradizione locale

MINERVINO DI LECCE – Da venerdì 17 a domenica 19 marzo 2023 a Minervino di Lecce torna la ricorrenza antica delle “Tavole di San Giuseppe” insieme  a un format di tre giorni. In programma un convegno, due laboratori del gusto, momenti di enogastronomia condivisa e di musica e naturalmente la “Tavola dei 13 Santi”, con personaggi del mondo della politica, dell’imprenditoria e del giornalismo pugliese a rappresentare come di consueto i convitati alle prese con i piatti della tradizione. Piatti che potranno essere degustati presso gli stand enogastronomici allestiti per la festa, che quest’anno si rinnova grazie a un format di tre giorni ideato dal Mercatino del Gusto grazie al quale, per quattro anni, si proverà ad ampliare la platea di pellegrini, visitatori e turisti con una narrazione accurata della tradizione, del senso di comunità, della cultura del cibo. E a destagionalizzare il turismo, valorizzando un territorio denso di suggestioni antiche che va ancora oggi sotto il nome di Terra d’Otranto.

La tradizione delle Tavole di San Giuseppe è antica e prende le mosse dalla consuetudine, per le famiglie benestanti del paese, di estendere almeno per un giorno ai meno fortunati il piacere, non solo gustativo, di una tavola imbandita: un atto di carità, insomma, ed insieme un ringraziamento e un atto di affidamento – per chi benestante non era – al padre putativo di Gesù. La festa di San Giuseppe era ed è dunque per Minervino di Lecce l’occasione per rafforzare lo spirito di comunità: una tradizione che il piccolo comune a pochi chilometri dal mare di Otranto e le sue due frazioni di Cocumola e Specchia Gallone non hanno mai perduto.

Da tempo immemorabile, infatti, per la festa di San Giuseppe vanno in scena nel territorio minervinese le Tavole, che richiedono la preparazione di ben i 169 piatti, esattamente 13 pietanze per ciascuno dei 13 Santi presenti. Tutti i cibi fanno parte della tradizione gastronomica del Salento, espressione della stagionalità: immancabile la pasta fresca di grano duro con ceci e cavoli, che nel dialetto locale è conosciuta come massa e nella frazione di Cocumola diventa vermiceddri, ma ci sono anche i lampascioni sott’olio – a rappresentare l’imminente passaggio dall’inverno alla primavera – e ancora le pittule, le verdure lesse, il baccalà, il pesce fritto e molto altro. Le stesse specialità che vengono preparate e allestite sulle Tavole imbandite di molte case di Minervino e offerte alla vista dei visitatori, che possono così sentirsi raccontare dalla voce degli stessi minervinesi una tradizione antica dettata dalla devozione religiosa e dalla virtù cristiana della carità.

“Quest’anno proviamo a fare un salto di qualità: affidiamo una delle nostre tradizioni più radicate alla competenza e all’esperienza del Mercatino del Gusto, certi che questi quattro anni di collaborazione ci consentiranno di perpetuare la bellezza antica delle Tavole di San Giuseppe in un’ottica di innovazione e valorizzazione”, spiega il sindaco di Minervino Ettore Caroppo. “Le Tavole di San Giuseppe costituiscono uno degli esempi più affascinanti del sentimento religioso diffuso pugliese”, aggiunge Michele Bruno, “una delle caratteristiche che rendono più attrattiva la Puglia agli occhi dei turisti, sempre più desiderosi di calarsi totalmente nella vita dei territori, senza limitarsi a visitarli e basta”.

La manifestazione è  organizzata dal Comune di Minervino di Lecce e dall’associazione “Il Mercatino del Gusto” nell’ambito  del progetto “Borghi divini: tra Santi, fiabe e megaliti”, finanziato a valere sul Bando PNRR Borghi (Intervento 2.1 Attrattività dei borghi linea b), con fondi dell’Unione Europea – NextGenerationEU. Ed è patrocinata dal Ministero della Cultura e dalla Regione Puglia.

IL PROGRAMMA DEI TRE GIORNI

Venerdì 17 marzo alle 18 apertura della festa con un convegno presso l’ex asilo Scarciglia (via Sant’Angelo) sul tema “Le tradizioni religiose e il cibo, tra riti sacri e consuetudine gastronomica”. Saluti istituzionali del sindaco Ettore Caroppo, di Salvatore Santese, presidente dell’associazione Mercatino del Gusto, e dell’onorevole Andrea Caroppo; relatori Annarita Corrado, dirigente scolastica dell’istituto “Leonardo da Vinci” di Maglie, Eugenio Imbriani, docente dell’Università del Salento, Luciano Pignataro, giornalista enogastronomico, Dante Sacco, divulgatore culturale, Vincenzo Santoro, responsabile del dipartimento Cultura, turismo e agricoltura dell’Anci. Moderano Leda Cesari e Giacomo Mojoli.

Sabato 18 marzo alle 17 “Gustolab” presso l’Osteria Origano (via Giuseppina Scarciglia 18): “Tradizioni, ovvero contaminazioni e innovazioni di successo – D’altronde l’innovazione è una tradizione che si rinnova, tra estetica e gusto”. Relatori Giacomo Mojoli, Gino Dimitri, Roberto Musarò, Antonella Pagliara; presenta Michele Bruno. In serata, invece, spazio alla “La Tavola dei Bambini” presso la Chiesa di Sant’Antonio a cura dell’associazione “Minervino Minitown”. Alle 20, invece, Gusto Folk in piazza Umberto I con Massimiliano De Marco (voce e chitarra), Luca Buccarella (voce e organetto) Giulia Piccinni (danza).

Domenica 19 marzo ancora un “Gustolab” alle 17 presso l’Osteria Origano di via Giuseppina Scarciglia 18: “La triade alimentare: pane, olio e vino – Legame indissolubile della dieta mediterranea”, con Massimo Vaglio, Titti dell’Erba, Mariangela Vanessa Pepe, Emma Prunella; presenta Michele Bruno. Alle 19 in piazza IV Novembre, invece, tradizionale Tavola di San Giuseppe organizzata in collaborazione con l’associazione Pro Loco Minerva; presentano Leda Cesari e Domenico Carrapa. Alle 20, infine, musica in piazza Umberto I con Gusto folk e Giancarlo Paglialunga (voce e tamburello), Rocco Nigro (fisarmonica), Laura De Ronzo (danza). In collaborazione con Tarantarte.

Sabato 18 dalle 19 in poi e domenica 19 dalle 10 alle 12 di scena le Tavole di Minervino, Cocumola e Specchia Gallone: un percorso della tradizione culinaria del luogo realizzato grazie alle famiglie del territorio. Dalle 18 in poi, inoltre, in programma “I sapori di Minervino”, percorso gastronomico in via Procuratore G. Bandello con “Infuso natura”, “Luce d’Alba”, Ortobuono Vizzino, “Il Maceificio agrifattoria Cooperativa Mettere le Ali”, Forno Caroppo, “N’grillo Ortofrutta”. In piazza Umberto I, invece, spazio a “Il cibo di Strada”, street food della tradizione con “Salento Chips”, “Birrificio b94, “Agrimó Salento”, “Salumi Baccaro”.

Ancora sabato 18 e domenica 19 marzo, piatti della tradizione preparati dai ristoranti “Casanova pub”, “Borgo Antico” e “Osteria Origano” (Minervino), “I Rocci Ristorante” (Cocumola), Uccera Birra&Cucina (Specchia Gallone).