A Taranto il primo luglio concerto dei Sanlevigo

44

I Sanlevigo suoneranno per la prima volta in Puglia al Jackstore Social Club

TARANTO -Dopo il successo del concerto al Largo Venue di Roma del 4 giugno, i Sanlevigo annunciano le prossime date del tour estivo, che toccherà per la prima volta Liguria, Puglia e Calabria. Matteo Lambertucci, Emanuele Campanella, Lorenzo Imperi e Mattia Leoni porteranno in tour il loro disco d’esordio, “Un giorno all’alba”: un ricco concept album squisitamente rock, ricco di ballad e riferimenti letterari. Il prossimo appuntamento a Taranto, il 1 luglio: ingresso libero, apertura porte alle 21.

Calendario dei concerti

1 luglio – Taranto – Jackstore Social Club

16 luglio – Reggio Emilia – Teranga Bii Festival

6 agosto – Alvito (FR) – Fata Verde Liri

8 agosto – Palmi (RC) – Officine Balena

9 agosto – Marina di Gioiosa Ionica (RC) – Blue Dahlia

22 agosto – Fossombrone (PU) – Kuma

25 agosto – Biella – BollediMalto

La band romana ha da poco concluso il tour nei club, che li ha portati in 12 club del centro e del nord Italia in soli due mesi: ora si appresta a tradurre la propria attitudine alternative rock, declinandola nei palchi di tutta Italia, a colpi di chitarre distorte e solide batterie, per un sound che, forte dei testi in italiano, ammicca al panorama internazionale.

“Un giorno all’alba”, il disco d’esordio dei Sanlevigo, è un concept-album dedicato alla fine di un amore, alla rabbia, allo sconforto e all’inevitabile rinascita. A unire le canzoni, al di là della radicata attitudine pop-rock e un’attenzione quasi maniacale ai suoni, la teoria delle cinque fasi del lutto di Kubler Ross, considerata la fondatrice della psicotanatologia, secondo cui gli stati emozionali che ogni essere umano attraversa nella perdita sono la negazione, la rabbia, il patteggiamento, la depressione e l’accettazione.

La narrazione, quasi si trattasse di un sogno, procede al contrario: a partire dai ricordi, ricostruisce i pensieri, le esperienze e il percorso d’accettazione del protagonista, alternando sensazioni, momenti di lucida consapevolezza e brevi interventi della persona amata, rappresentata dalla voce di Alessia Amendola. Assecondando una climax discendente, si passa dalle canzoni più aggressive, dove l’altro viene pensato come l’unico responsabile della situazione, per passare ai toni più morbidi della rassegnazione, quando la colpa viene attribuita prima al destino, poi al tempo e infine alla casualità degli eventi.

Ogni brano offre molteplici chiavi di lettura, collegate sia alla vicenda narrata che alle opere letterarie o drammaturgiche che l’hanno ispirata, dal Don Giovanni di Mozart al Cantico dei cantici dell’Antico Testamento, dai sonetti di Shakespeare alle poesie di Walt Whitman.

“Questo album, pieno di chitarre distorte e di un’inequivocabile ricerca sonora, strizza l’occhio soprattutto a un panorama alt-rock internazionale. Il concept-album dei Sanlevigo potrebbe essere letto come un romanzo di formazione, ovvero un romanzo in cui il protagonista ripercorre il suo passato, non senza dolore, ma cerca di liberarsi dal peso dello stesso. Un’evoluzione umana e sicuramente artistica fa da sfondo a tutto il tappeto narrativo e sonoro. E quindi arriva un nuovo giorno, il bagliore di una nuova mattina e finalmente “Un giorno all’alba” trova la sua completa espressione ed espressività.” Michela Moramarco, Exitwell

“Un lavoro curatissimo, eseguito e prodotto alla perfezione, intenso e riuscito.” Antonio Bacciocchi, Radiocoop

“Un disco avvolgente, coraggioso, ricercato e da non sottovalutare affatto. I Sanlevigo avranno sicuramente e meritatamente tra le nuove leve della musica italiana e non solo, con uno sguardo al mondo.” Fabio Loffredo, Tuttorock

“Pezzi come “Le mie ombre” o la suite “Perdersi”, piuttosto che “Origami” (perfetta chiusura del cerchio a livello compositivo) testimoniano un talento che merita di trovare il proprio spazio nel panorama del pop-rock italiano.” Alessio Gallorini, Indieoteque

I SANLEVIGO PARLANO DI “UN GIORNO ALL’ALBA”

Un lavoro durato quasi quattro anni in cui abbiamo unito molte delle nostre esperienze personali per arrivare a trovare una storia in grado di rappresentare ognuno di noi, delineando la figura del protagonista come fosse l’archetipo di quei ragazzi nati nella seconda metà degli anni ’90.

La gioia, la delusione, la rabbia, la felicità e il dolore si mescolano e si confondono di continuo nel corso dell’album proprio perché volevamo restituire in maniera veritiera la complessità dell’animo umano e la potenza, in senso positivo e negativo, di un sentimento come l’amore.

Ispirandoci ai grandi concept del passato come “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band” dei Beatles ma anche ad alcuni episodi più recenti come “The Suburbs” degli Arcade Fire, abbiamo provato a scrivere una storia costituita da 13 piccoli capitoli uniti fra loro.

TRACKLIST
1 Il fondo dei ricordi

2 Le mie ombre

3 Mille fiori

4 In nessun luogo, ovunque

5 Un pugnale nel cuore
6 Nei panni sporchi di Venere
7 Perdersi
8 Destini diversi

9 Un’insurrezione

10 Shen nella tempesta

11 La nostra orbita

12 Fobos & Deimos

13 Origami (ballata dei giorni persi)