Taranto, lavori alle scuole Pirandello e Falcone per la cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico

Fervono i preparativi

scuola pirandello tarantoTARANTO – Fervono i preparativi alla scuola Pirandello e alla scuola Falcone per la visita del Presidente delle Repubblica Sergio Mattarella che il prossimo 18 settembre inaugurerà proprio a Taranto nel Quartiere Paolo VI l’anno scolastico, ormai alle porte.

Si tratta di un evento di natura straordinaria per la presenza della massima carica dello Stato che si fa portatore di un messaggio forte sul valore e sulla cultura della legalità in due scuole della nostra periferia urbana che più volte hanno subito raid vandalici. I riflettori e gli obiettivi di tutto il Paese saranno puntati su Taranto e sul quartiere Paolo VI e per l’occasione l’Amministrazione comunale sta partecipando attivamente insieme al mondo della scuola all’organizzazione della cerimonia. E’, infatti, in fase di attuazione un piano di interventi funzionale alla migliore accoglienza della cerimonia inaugurale che ha anche come obiettivo la riqualificazione dei due edifici scolastici per assicurare ai giovani della città adeguati luoghi di crescita e di formazione, condizioni di benessere scolastico ed ambienti confortevoli. Partendo, dunque, da questo evento importante l’Ammnistrazione comunale intende continuare su questa strada, mantenendo sempre alta l’attenzione sulle problematiche relative all’edilizia scolastica e al benessere della popolazione studentesca della città anche impegnandosi ad intercettare finanziamenti per la riqualificazione e l’ammodernamento degli edifici.

I lavori alla scuola Falcone sono in fase di completamento e stanno riguardando soprattutto interventi di ordinaria manutenzione delle aree verdi ; interventi straordinari in funzione dell’allestimento del luogo della cerimonia; tinteggiatura dei muri perimetrali esterni, delle ringhiere degli edifici e delle pareti interne; installazioni di nuove porte e interventi manutentivi sugli infissi; abbattimento delle barriere architettoniche attraverso al realizzazione dello scivoli per disabili; realizzazione di un cancello secondario per l’uscita d’emergenza; interventi manutentivi per la messa in sicurezza delle aree pavimentate.