Taranto, “Fibra ottica”: precisazione sui lavori dell’assessore Occhinegro

9

TARANTO – L’installazione della rete a fibra ottica in tutta la città sta comportando una serie di manomissioni stradali sulle quali l’amministrazione Melucci ha attivato un serio monitoraggio.

I cantieri non sono di competenza comunale, infatti, ma grazie all’interlocuzione avviata tra gli uffici e le aziende coinvolte è stato possibile impartire a queste ultime il rispetto rigoroso di tempi e modalità di esecuzione degli interventi.

«Le tracce rosse sull’asfalto che molti cittadini ci segnalano – ha spiegato l’assessore ai Lavori Pubblici Ubaldo Occhinegro – devono rimanere scoperte per almeno 30 giorni, affinché il cemento possa assestarsi. È una prescrizione prevista dalle norme, prima che trascorra questo lasso di tempo non è possibile procedere alla posa dell’asfalto».

Attraverso il confronto con le ditte impegnate nella realizzazione della rete, soprattutto Openfiber, l’amministrazione Melucci ha imposto che la copertura delle tracce con l’asfalto sia larga 1,5 metri e non mezzo metro come previsto da capitolato.

«In questo modo – ha aggiunto Occhinegro – abbiamo evitato la formazione di quel fastidioso “effetto cordolo” molto spesso visibile sulle strade interessate da lavori. Confrontandoci con le ditte, inoltre, abbiamo sincronizzato gli interventi di nostra competenza con i loro, affinché sulle arterie inserite nel nostro grande piano strade e marciapiedi la posa della fibra avvenga preliminarmente».