Taranto, “Turning Goals into Actions – Research and Innovation for climate change mitigation”

109

Nella Cattedrale di San Cataldo, il 14 giugno, evento a carattere internazionale della CTE Calliope in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana in Canada. Per la sua valenza, è un convegno satellite del G7

TARANTO – Un confronto per conoscere le migliori pratiche, le tecnologie emergenti e le politiche necessarie per guidare una trasformazione significativa verso un’economia a basso impatto ambientale. Taranto protagonista di un evento di grande prestigio a carattere internazionale, realizzato dalla Casa delle Tecnologie Emergenti Calliope in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana in Canada. Venerdì, 14 giugno 2024 (dalle 10:30 alle 16:15) la Cattedrale di San Cataldo ospiterà i lavori di “Turning Goals into Actions – Research and Innovation for climate change mitigation”. Al centro la volontà di tradurre gli obiettivi climatici in azioni concrete e tangibili. Una vera e propria sfida di questi tempi, nella quale l’innovazione e la cooperazione internazionale rivestono un ruolo cruciale nel promuovere soluzioni sostenibili e resilienti per il pianeta.

L’iniziativa è patrocinata dal ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e dal ministero delle Imprese e del Made in Italy ed è un convegno satellite del G7. Nel corso della giornata si confronteranno relatori di altissimo livello, provenienti dalla comunità scientifica ed accademica internazionale. Tra loro, la professoressa Cathryn Tonne dell’Istituto for Global Health di Barcellona e co-direttrice del Lancet Countdown for Health and Climate Change in Europa, Patrick Verkooijen, Ceo del Global Center on Adaptation, Denis Leclerc al vertice di Canada Cleantech Alliance, Ruggiera Sarcina, direttrice Italia Camera di Commercio Italiana in Canada e molti altri. I saluti istituzionali sono affidati al sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.

«L’obiettivo – anticipano i promotori – è la condivisione di conoscenze, ricerche, progetti e soluzioni per affrontare la crisi climatica in modo efficace, analizzando cause, conseguenze e possibili soluzioni per mitigare l’impatto della crisi climatica sull’ecosistema ambientale e sulla salute umana». Un tema particolarmente sentito per la città di Taranto e sul quale sta lavorando in maniera mirata Calliope con linea guida il concetto di “One Health” e, dunque, di “salute unica”. Nello specifico, si tratta di un progetto di ricerca che nasce per comprendere il legame tra salute dell’uomo, dell’ambiente e degli animali, attraverso lo sviluppo di una piattaforma tecnologica che adotta un approccio citizen centric e potrà fornire alle autorità competenti strumenti utili ad orientare interventi a tutela di salute e biodiversità, soprattutto dagli effetti del cambiamento climatico.

Il prossimo 14 giugno previsti panel tematici e presentazioni. Si tratta di un’opportunità preziosa per accelerare la collaborazione tra paesi e gruppi di lavoro internazionali al fine di favorire progressi verso un futuro più verde e più equo per tutti. L’evento nasce in continuità rispetto a quanto accaduto già lo scorso anno, quando la CTE Calliope ha preso parte ad un incontro in Canada quale delegazione italiana, insieme al ministero delle Imprese e del Made in Italy, alla Fondazione Ugo Bordoni e ad un nutrito gruppo di startup per condividere esperienze, buone pratiche e idee per gli scenari futuri delle comunità.

La Casa delle Tecnologie Emergenti di Taranto è costituita da oltre trenta partner guidati dal Comune di Taranto, tra i quali enti pubblici, centri di ricerca, università, competence center, startup innovative e grandi aziende.