Sere d’Estate all’Abbazia di Santa Maria di Cerrate di Lecce

1

abbazia di santa maria di cerrate, lecce (foto dario fusaro 2019)

LECCE – L’emozione di una passeggiata a lume di torcia nel parco voluto da Papa Gregorio XVI a Tivoli, tra grotte, antiche vestigia e fragore di cascate, trekking in notturna alla scoperta del cielo stellato nel Parco Nazionale della Sila, visite “letterarie” nella villa che diede ad Antonio Fogazzaro l’ispirazione per comporre Piccolo mondo antico e, ancora, aperitivi al tramonto tra alberi di agrumi e ulivi secolari nel cuore della Valle dei Templi di Agrigento e tour al calare del sole in una salina in attività a due passi da Cagliari. Queste sono solo alcune delle tante, coinvolgenti esperienze che si potranno vivere nei mesi di luglio e agosto partecipando a Sere FAI d’Estate, un ricco calendario di appuntamenti, per lo più en plein air, che coinvolgerà 28 Beni del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano in 15 regioni, da nord a sud del nostro Paese (info e calendario completo su www.serefai.it).

Dopo i molti mesi trascorsi in casa e complice la bella stagione, è tanta la voglia di uscire per trascorrere una giornata all’aperto, fino a tarda sera, a contatto con la natura e con l’arte, alla scoperta di luoghi vicini e spesso poco noti che meritano una gita o una breve vacanza. I Beni della Fondazione – tra cui ville, castelli, monasteri, abbazie, torri, ma anche aree naturali, parchi e giardini – sono una meta ideale e, proprio per rendere irripetibile e speciale ogni momento di svago vissuto in questi posti unici, in occasione delle Sere FAI d’Estate ne verrà prolungato l’orario di apertura. Questo permetterà di accogliere più persone, in tutta sicurezza, offrendo loro di proseguire la visita fin dopo il tramonto e di godere così di un’atmosfera particolare, di un tempo lento e di iniziative speciali.

Un palinsesto di circa 300 serate, dal tramonto a mezzanotte, che rispecchia il crescente impegno del FAI nella diffusione di una “cultura della natura”. L’obiettivo è quello di promuovere la conoscenza del patrimonio verde – dalla botanica alla storia dei giardini e del paesaggio rurale italiano – di cui la Fondazione si prende cura ogni giorno. Si potrà vivere una giornata immersi nel verde, camminando a piedi nudi in un bosco, leggendo all’aria aperta, prendendo parte a esplorazioni guidate per imparare a riconoscere alberi, insetti e animali, ascoltando i suoni della natura. E poi picnic sul prato al tramonto e aperitivi all’ombra di alberi centenari o in loggia, cene in romantiche location, concerti all’aperto al chiaro di luna e lezioni di astronomia, visite guidate a tema fino a tarda sera, incontri e conferenze culturali ma anche trekking e passeggiate guidate serali per scoprire in modo inedito le bellezze che circondano i Beni del FAI.

Molti gli eventi che si susseguiranno all’Abbazia di Santa Maria di Cerrate a Lecce, a partire da venerdì 23 luglio, quando i visitatori potranno partecipare a speciali passeggiate al tramonto e al chiaro di luna in programma alle ore 20.30 e alle 22. Un’occasione, pensata per tutta la famiglia, per scoprire il volto inedito, misterioso e magico, della campagna salentina, ascoltarne i suoni e osservare alberi, arbusti e animali nell’insolito orario serale. Biglietto: 13 €; ridotto 9 €.

Seguiranno tre appuntamenti dedicati alla musica locale, due dei quali avranno come protagonista il tamburello. Giovedì 5 agosto alle ore 19.30 grandi e piccoli potranno imparare a realizzarne uno, partecipando a un laboratorio creativo, curato dall’esperto Tommaso Siciliano, per conoscere tecniche e segreti ancestrali di questa produzione tradizionale. Una volta “costruito” il proprio tamburello, si potrà portare a casa. Laboratorio: 38 €. Il costo comprende l’attività e il materiale per la costruzione del tamburello. Per i bambini dai 7 ai 10 è richiesta la presenza di un genitore.

La sera successiva, venerdì 6 agosto alle ore 19.30, note, suoni e magia si intrecciano nel laboratorio A suon di tamburello, sempre per adulti e bambini, tenuto da Ninfa Giannuzzi, una delle più grandi interpreti di musica popolare salentina. L’incontro avrà lo scopo di far conoscere le tradizioni locali ed educare alle sonorità e ai ritmi della pizzica, coadiuvando lo studio del tamburello e coinvolgendo i partecipanti. Laboratorio: 18 €; ridotto 15 €. Si potrà acquistare il tamburello in loco.
Nel corso delle serate sarà possibile visitare il complesso abbaziale e si potrà prenotare e gustare un cestino tipico salentino fornito da Zenzero gastronomia.
La Sera FAI di sabato 7 agosto coronerà le precedenti con il concerto Ghetonìa, canti della tradizione Grika (ore 20.30), melodie nelle quali si fondono le due sponde dell’Adriatico, il Salento e la Grecìa. Il concerto dei Ghetonìa, un gruppo di virtuosi musicisti provenienti dalla Grecìa Salentina, vedrà l’esecuzione di canti e musiche originali ispirati ad antichi testi in griko o di poeti grecanici più recenti. Il gruppo porterà sul palco la quotidianità della vita contadina salentina, contesto in cui è nata la pizzica, ispirata all’antico culto dionisiaco greco. Concerto: 15 €. I biglietti saranno in vendita a partire da lunedì 19 luglio.

Giovedì 12 agosto dalle ore 20.30, imperdibile appuntamento con Astronomi per una notte, dedicato agli astrofili e ai più romantici, all’insegna della scoperta della luna, delle stelle cadenti e delle costellazioni che caratterizzano la volta celeste in estate. La prima parte della visita sarà dedicata all’orientamento guidato del cielo sopra l’abbazia, la seconda all’osservazione telescopica. Al termine dell’iniziativa, i partecipanti potranno conoscere l’intero complesso monumentale. L’evento, per adulti e bambini, è organizzata in collaborazione con il Centro Ricerche Astronomiche (C.R.A.) di Lecce. Alla fine dell’attività i visitatori potranno, portando il proprio plaid, stendersi nel parco e ammirare la volta celeste, con la possibilità di gustare un cestino tipico salentino (su prenotazione). Osservazione guidata del cielo: 13 €; ridotto 9 €.

Infine, domenica 22 agosto alle ore 20.30 il poliedrico musicista salentino Francesco Libetta si esibirà su un pianoforte viennese dell’Ottocento sulle musiche di Strauss e Mozart. Pianista, compositore e direttore d’orchestra, Libetta nel corso della sua carriera ha raccolto grandi consensi in giro per il mondo, affermandosi come uno dei più interessanti pianisti dei nostri tempi. Concerto: 25 € . I biglietti saranno in vendita a partire da lunedì 19 luglio.

Per informazioni sugli eventi, giorni e orari di apertura dei Beni, costi e prenotazioni:
www.serefai.it

N.B. Il calendario degli appuntamenti è in costante aggiornamento e può subire variazioni.

Bene in concessione dalla Provincia di Lecce.

Con il sostegno di Regione Puglia – FSC 2014/2020 Patto per la Puglia – Investiamo nel vostro futuro.

Grazie a Rai, Main Media Partner dell’iniziativa, che anche in questa edizione racconterà al pubblico il ricco e variegato palinsesto di Sere FAI d’Estate grazie anche alla capillare collaborazione della Testata Giornalistica Regionale Rai.

Il calendario degli Eventi nei Beni FAI 2021 è reso possibile grazie al fondamentale sostegno di Ferrarelle, partner degli eventi istituzionali e acqua ufficiale del FAI; al significativo contributo di Nespresso, azienda che dal 2020 sostiene la Fondazione, di Delicius, che rinnova il sostegno al FAI affiancandosi per la prima volta al progetto, e di Pirelli che conferma per il nono anno consecutivo la sua storica vicinanza al FAI.

* * * * *

MODALITÀ DI VISITA IN SICUREZZA ALL’INTERNO DEI BENI DEL FAI

Per consentire al pubblico di visitare i Beni nella massima sicurezza, il FAI si è preoccupato di garantire il pieno rispetto dei principi definiti dal Governo a partire dal mantenimento della distanza interpersonale o fisica. In tutti i Beni la visita sarà contingentata per numero di visitatori e, ove possibile, organizzata a “senso unico” per evitare eventuali incroci. Le stanze più piccole e quelle che non permettono un percorso circolare saranno visibili solo affacciandosi; le porte saranno tenute aperte onde ridurre le superfici di contatto. Sarà d’obbligo indossare la mascherina per tutta la durata della visita. Saranno inoltre a disposizione dispenser con gel igienizzante sia in biglietteria che nei punti critici lungo il percorso.

Il giorno precedente l’appuntamento, i partecipanti che avranno effettuato la prenotazione riceveranno una mail con le indicazioni sulle modalità di accesso e un link da cui scaricare materiali di supporto alla visita nel Bene, a cura dell’Ufficio Affari Culturali FAI. Gli stessi materiali, che non saranno più distribuiti in formato cartaceo, saranno accessibili in loco su supporti digitali grazie a un QR Code scaricabile direttamente in biglietteria.

L’accesso alla biglietteria, al bookshop e ai locali di servizio sarà permesso a un visitatore o a un nucleo famigliare alla volta; nei negozi FAI i clienti dovranno indossare la mascherina, e saranno a disposizione guanti monouso, qualora fossero preferiti all’igienizzazione delle mani. Si invita inoltre a effettuare gli acquisti con carte di credito e bancomat, per ridurre lo scambio di carta tra personale e visitatori. L’accesso è vietato a chi abbia una temperatura corporea superiore a 37.5°.