A Roma prelibatezze salentine in Casa Bleve

265

Presenti lo chef pasticciere Giovanni Venneri ed i vini Duca Carlo Guarini e Apollonio, dal Piemonte Silvano Bisco

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

LECCE – Si chiama “La Piccola di Casa Bleve”, è la nuova nata nella prestigiosa famiglia Casa Bleve di Roma, è gestita in prima persona dal titolare Anacleto Bleve e si trova in via Sicilia 47 a cinquanta metri da Via Veneto, cuore casableve_sm.jpgdell’alta finanza romana.

Venerdì 3 marzo ci sarà l’apertura per i vicini di casa, tutti gli addetti ai lavori dell’alta finanza della capitale, che potranno degustare le ricche prelibatezze previste per l’occasione. Sabato 4 invece sarà dedicato ai clienti e agli amici più cari che hanno accompagnato la cucina di Casa Bleve in questi anni di successi enogastronomici, a loro è riservata la degustazione dei prodotti che ritroveranno tutti i giorni (dal lunedì al sabato) a colazione, pranzo e cena.

In quest’occasione Anacleto ha pensato bene di tornare alle radici e ricordare le sue ricette salentine, visto il successo che il turismo ha consegnato a quelle terre negli ultimi anni, alle migliori ricette pugliesi oltre a quelle di cucina romana e nazionale. Dopo 50 anni di esperienza romana ed aeroportuale, una sorta di seconda giovinezza suggerita e resa possibile grazie all’affetto e alla fiducia delle persone care.

Entrambe le giornate si svolgeranno dalle 9:00 alle 11:00 e dalle 12:30 alle 20:30.

Per la colazione dal Salento arriva lo chef pasticciere medagliato Giovanni Venneri con tutta la sua squadra del Cafè dei Napoli di Alliste (Le), a deliziare i partecipanti con il “cornetto anni 50”, il pasticciotto salentino ed altre sue specialità del territorio. Mentre dal Piemonte ci sarà l’amico Silvano Bisco, della Pasticceria Bisco di Costigliole d’Asti, che per l’occasione proporrà il suo fantastico cornetto e le altre specialità piemontesi.

La giornata prosegue con la degustazione dei piatti tipici salentini accompagnati dallo spumante di uve rosse vinificate in bianco del Duca Carlo Guarini, il suo Primitivo e con i vini della Casa Vinicola Apollonio.