Puglia, la denuncia di una madre contro Ferrovie

puglia (cartina con puntini)

“Mia figlia 13enne lasciata a piedi per strada”

LECCE – La signora Monia, residente a Gemini in provincia di Lecce, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Cosa succede in città” condotta da Emanuela Valente su Radio Cusano Campus, per denunciare quanto accaduto a sua figlia, una ragazza di 13 anni che non è stata fatta salire sul pullman di Ferrovie del Sud-est (gruppo FS) che avrebbe dovuto portarla a scuola, perché aveva dimenticato il biglietto. “E’ un fatto grave lasciare una ragazzina di 13 anni per strada perché ha dimenticato il biglietto –ha affermato Monia-. Lei va a scuola a Casarano, che dista 15 km da Gemini. La mattina l’accompagna il padre in macchina, al ritorno prende il pullman. Un giorno però ha dimenticato il biglietto e ha trovato un signore vicino alla porta del pullman che chiedeva i biglietti. Mia figlia ha detto: ho il biglietto ma l’ho dimenticato a casa. Lui gli ha detto che non poteva salire. Mia figlia mi ha chiamato subito raccontandomi quello che era successo. Mi sono fatta passare al telefono quel signore, che però ha detto: io non parlo con nessuno. Io volevo dirgli: mia figlia ha sbagliato, fagli la multa, ma falla salire sul pullman così arriva a casa. Ho dovuto lasciare il lavoro e correre per andare a prendere mia figlia. Non si può lasciare una ragazzina di 13 anni a piedi per strada. Se lei non fosse riuscita a contattarmi o io non fossi riuscita ad andare a prenderla cosa sarebbe successo? Ho raccontato tutto su Facebook, poi ho mandato una mail il giorno dopo e non ho ricevuto risposta. Ora mi sto muovendo per vie legali. Sono venute fuori altre cose, ad esempio che l’anno scorso il controllore ha chiesto la carta di identità a un ragazzino che aveva il biglietto, lui non aveva il documento, il controllore gli ha tolto il biglietto dalle mani e gli ha fatto 80 euro di verbale perché non aveva la carta d’identità. A volte questi pullman saltano le fermate, perché vanno di fretta. Ci rendiamo conto che hanno a bordo ragazzi minorenni?”.