“Puglia Identità e Storie di Gola”, il 14 e 15 novembre a Brindisi

6

La promozione territoriale incontra la cucina sostenibile all’alberghiero Pertini, un progetto pilota.Partecipazione gratuita con iscrizione obbligatoria on line

BRINDISI – Arriva a Brindisi la penultima tappa del progetto “Puglia Identità e Storie di Gola” che lunedì 14 e martedì 15 porterà testimonial di eccellenza all’ I.I.S.S. Sandro Pertini in via Appia 356. Dedicato ad un’utenza di allievi delle scuole alberghiere, ed anche di professionisti del settore ristorazione ed accoglienza, l’evento della durata di due giorni è un’iniziativa che Pugliapromozione sta realizzando insieme a Magenta Bureau.

La Puglia continua a puntare in alto per una crescita ancora maggiore dell’enogastronomia, nonché del turismo destagionalizzato e di lusso così legati alla cucina di eccellenza. A guidare questa esperienza, che finora a coinvolto con entusiasmo Bari, Lecce, Margherita di Savoia, Foggia, è il pensiero del compianto Maestro Gualtiero Marchesi: “L’esempio è la più alta forma di insegnamento”.

“Parteciperò all’evento di Pugliapromozione poiché sono convinta che puntare sull’eccellenza della buona tavola possa dare nuove opportunità alla crescita turistica continuando a puntare sull’innovazione che nasca da Brindisi”, dice Emma Taveri, assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Creatività del Comune di Brindisi.

Un sapiente mix di professionisti, sia italiani che stranieri ed anche alcuni pugliesi, proporrà riflessioni d’autore su un’ampia gamma di tematiche dalla sala, senza trascurare in cucina il meglio di ciò che si propone dal salato fino al dolce, senza trascurare il management.

La partecipazione è libera e gratuita con iscrizione obbligatoria on line Iscrizioni entro il 13 novembre al link: https://bit.ly/3CgCR4E.

L’evento di Pugliapromozione si colloca in un I.I.S.S. come il “Pertini” di Brindisi che, in questa due giorni accoglierà anche partecipanti da altre scuole alberghiere. In particolare, il “Pertini” guidato dal prof. Cosimo Marcello Castellano si distingue per un progetto pilota – in svolgimento – dedicato alla cucina sostenibile. Si tratta di un’attività multidisciplinare, come ci dice la docente di Italiano professoressa Patrizia Miano, che unisce la cucina e le altre materie di studio. La scuola “Pertini” procede su questo filone perché crede che la cucina sostenibile, che coincide con quella salutista, sia la cucina di domani ed è impegnata a formare personale che, in varie declinazioni – cucina, realizzazione di ecolabel, chilometro zero – possa a sua volta arricchire e rendere consapevole della sfida ambientale, che passa anche dalla cucina e dal territorio.

GLI ESPERTI DI LUNEDÌ 14 NOVEMBRE – Al via con Mario Cavallaro, direttore creativo e fondatore di Nju: Comunicazione (Milano), che coltiva talenti e idee non solo dei collaboratori ma anche dei clienti per un’interlocuzione olistica su marketing, product strategy e direzione artistica di eventi.

Luca De Santi, YIO Experience (una stella Michelin) di Milano condividerà come è arrivato a ciò, passando attraverso esperienze importantissime prima nella brigata del tristellato Gualtiero Marchese, poi a Firenze dove diventa chef pasticcere dell’Enoteca Pinchiorri, fino a tornare in pianta stabile a Milano.

Spazio ad un giovane talento con il campano Giovanni Solofra, classe 1982, che nonostante la giovane età, vanta già una carriera ventennale accanto a grandi nomi come da Quique Dacosta in Spagna a Ciccio Sultano in Sicilia, sino a rivestire il ruolo di sous-chef di Heinz Beck a La Pergola di Roma. Insieme alla pasticciera Roberta Merolli hanno dato vita al ristorante i Tre Olivi, al Savoy Beach Hotel, Paestum (SA) che vanta 2 Stelle Michelin. Una pennellata di Puglia, per l’arte della frollatura del pesce, arriverà con Danilo Partipilo – Fabio Palumbo, del ristorante Ognissanti di Trani (BT) in cui la cucina diventa arte con un tocco green per il rispetto verso la natura.

Nel pomeriggio si proseguirà con l’intervento di Jessica Rocchi, maître & sommelier del ristorante Andrea Aprea di Milano, per riflettere sull’anello di congiunzione fra cliente e cucina. Monica Caradonna, tarantina, giornalista e fondatore di Ego Festival, nonche conduttrice di Linea Verde su Rai 1, condividerà la sua esperienza poliedrica e i frutti di questo evento che ogni anno continua a donare emozioni nuove e internazionali, sempre con un focus specifico su materie prime e l’artigianato dei piccoli produttori.

GLI ESPERTI DI MARTEDÌ 15 NOVEMBRE – Arriverà direttamente da Alma a Colorno (Parma) – che è la più nota scuola di cucina italiana – il giornalista e critico gastronomico Giacomo Bullo, di cui cura la comunicazione.

La parola passerà a chi ha iniziato nel campo assicurativo per poi diventare, con adeguata formazione e tanta passione, responsabile food di Eataly a Roma arrivando ad aprire un suo locale specialissimo: è Mario Sansone. Nato ad Agrigento, proprietario e fondatore di Marzapane a Roma, ristorante che inizia con appena 18 coperti e liste di attesa lunghe mesi. Il sacrificio e il duro lavoro ripagano e arriva presto una nuova sede da 38 coperti e una crescita continua, di coperti ma anche di idee e ambizioni.

Ancora un vanto tutto pugliese con Giovanni Pizzolante, general manager di Le Dune Group, Porto Cesareo (Lecce). Classe 1973, nasce in Svizzera e dopo l’infanzia torna in Salento con la madre, frequenta l’alberghiero di Otranto, con un talento per la gestione dei costi e della managerialità. Dal 2012 lavora con la famiglia Grandioso di Porto Cesareo a Le Dune suite hotel come General Manager, che produce numeri da capogiro ed è la struttura con il più alto rendimento di tutto il Salento.

Una pizza davvero da record quella di Jacopo Mercuro, 180grammi a Roma, che ha ottenuto i 3 Spicchi del Gambero Rosso, l’ottavo posto secondo 50 top pizza nel 2022. Jacopo è miglior pizzaiolo, sempre per 50 top pizza, nel 2022. Con la sua pizzeria ha riportato in primo piano la pizza romana, bassa e scrocchiarella, come da tradizione. 180grammi nasce nel 2017 e, come tante altre realtà, ha usato la pandemia come opportunità di cambiamento e crescita: possiede il delivery.

Classe 1980, di Crispiano (TA), Guglielmo Miriello è ormai una certezza e una garanzia per gli amanti del buon bere di Milano. Scopre la sua passione per la mixology durante la scuola alberghiera, si sposta subito nella città meneghina dove inizia il suo percorso presso i più grandi indirizzi dell’hospitality, come Bulgari, prosegue come Bar Manager dello stellato di Shangai Maison Pourcel. Da un anno è il direttore del Mandarin Garden presso il Mandarin Oriental di Milano.

Formaggio, che emozione! Martedì 15 novembre, saremo con Francesco Gubert, agronomo e Maestro Assaggiatore di Formaggi, che arriverà da Trento. Classe 1984 è noto come “Cheese Story Teller” o “Story Teller di territorio”.

Una personalità poliedrica quella di Fabrizio Nonis, nato a Toronto nel 1963, che è macellaio professionista, esperto gastronomo, giornalista, inviato televisivo, oltre che conduttore e comunicatore enogastronomico e televisivo, da La prova del Cuoco fino a Sky Gambero Rosso Channel.