Presentato il Rapporto “Amministratori sotto tiro”: la Puglia è la seconda regione nel 2020 con il maggior numero di minacce

4

puglia (cartina con puntini)

BARI – In dieci anni di raccolta dati Avviso Pubblico ha censito su tutto il territorio nazionale 4.309 casi di minaccia e aggressione nei confronti di amministratori locali e personale della Pubblica Amministrazione, una media di 36 intimidazioni al mese, una ogni 20 ore.

È quanto emerge dal 10° Rapporto “Amministratori sotto tiro”, presentato questa mattina, giovedì 4 novembre 2021, in diretta streaming sui canali social di Avviso Pubblico, alla presenza del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese.

La Puglia è la quarta regione a livello nazionale con il maggior numero di intimidazioni negli ultimi 10 anni (2011-2020) con un totale di 532 intimidazioni. Di queste 11 si sono verificate in comuni che, in un passato più o meno recente, sono stati sciolti per infiltrazione mafiosa.

Tutte le province italiane hanno fatto registrare almeno un atto intimidatorio o di minaccia nel corso di questi 10 anni. Nella Top-ten troviamo anche la provincia di Lecce e di Foggia (rispettivamente al 9° e 10° posto).

Sono invece 465 gli atti intimidatori a livello nazionale nel corso dell’anno 2020 censiti da Avviso Pubblico nel X° Rapporto Amministratori sotto tiro di cui 55 in Puglia (seconda Regione a livello nazionale).

In allegato il Rapporto integrale, la sintesi per la stampa, la cronologia degli atti intimidatori e il comunicato stampa di resoconto dell’incontro di oggi.