PON Legalità, nuovi spazi di integrazione fra i giovani migranti e la comunità locale

2

comune di monteleone di puglia

Il 13 agosto a Monteleone di Puglia si svolgerà il convegno di lancio del progetto finanziato dal Ministero dell’Interno

MONTELEONE DI PUGLIA (FG) – Si svolgerà giovedì 13 agosto 2020, a partire dalle ore 18.00, presso la Casa Comunale di Monteleone di Puglia, il convegno di lancio del progetto “Mens sana in corpore sano” finanziato dal Ministero dell’Interno attraverso il PON Legalità 2014-2020. Nell’occasione, il sindaco Giovanni Campese illustrerà le finalità dell’iniziativa che punta a rafforzare il modello di accoglienza integrata e diffusa dei migranti che il Comune di Monteleone porta avanti già da diversi anni e, di conseguenza, la qualità della vita di tutta la comunità locale. «Si tratta di alcuni interventi che una volta conclusi favoriranno la partecipazione di minori e di giovani del territorio, in un’ottica di scambio e di condivisione con i migranti che risiedono nella comunità monteleonese – spiega il sindaco Campese – . Un ulteriore tassello che porta a quell’idea di comunità accogliente e inclusiva che sta contraddistinguendo il nostro percorso di amministratori». Perché “Mens sana in corpore sano” è un progetto che parte da lontano, dalla visione di inclusione ed apertura che ha fatto di Monteleone di Puglia il “Borgo dell’Accoglienza, della Pace e della NonViolenza”.

Un percorso di sviluppo e di crescita ancorato a valori quali quelli della memoria, della solidarietà, del mettersi al servizio della comunità. La creazione di un Centro Internazionale per la Pace e la NonViolenza, l’attivazione di progetti di accoglienza in favore di cittadini rifugiati e di minori stranieri non accompagnati, la promozione di opportunità lavorative in favore dei giovani del territorio per sostenere i loro progetti di vita, sono alla base di queste nuova progettualità.

Il progetto, che si svilupperà nei prossimi due anni, focalizza infatti la sua azione sue due interventi in particolare: la realizzazione di un nuovo Centro aperto polivalente per minori e di aggregazione sociale tra migranti e comunità locale, da ubicare nell’edificio ex Orfanotrofio e negli spazi esterni adiacenti, in cui saranno realizzati nuovi spazi sportivi e ricreativi (campetto polifunzionale e sistemazione delle aree esterne attualmente in cattivo stato di conservazione); il potenziamento e la dotazione di attrezzature, per le strutture sportive comunali, attualmente fatiscenti e non utilizzabili: un campo di calcio a 5 e la palestra comunale. Sarà inoltre creato un laboratorio di informatica ed una sala per proiezioni di film. All’evento prenderà parte anche Elena Gentile, ex-assessore della Regione Puglia ed ex-Europarlamentare.