Polizia ferroviaria, il bilancio dell’attività relativa al periodo estivo 2017

BARI – Il Compartimento della Polizia Ferroviaria Puglia, Basilicata e Molise, nell’ambito delle direttive impartite dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza in relazione alla delicata situazione internazionale nonché in concomitanza con l’esodo e controesodo estivo, ha intensificato le attività di prevenzione e repressione di fenomeni illegali nelle zone sensibili degli scali ferroviari e in quelle limitrofe, ed a bordo dei treni del trasporto regionale e della lunga percorrenza diurna/notturna, avvalendosi per i controlli anche dell’ausilio  di unità cinofile antidroga e anti-esplosivo della Polizia di Stato.

Dal 1° giugno al 31 agosto sono state controllate e identificate 35.394 persone sospette, di cui 5.217 stranieri, dei quali 4 rintracciati in posizione irregolare sul territorio nazionale.

  • 13 persone sono state tratte in arresto, di cui 8 stranieri.
  • 36 le persone denunciate a piede libero all’Autorità Giudiziaria per la commissione di reati vari, di cui 9 stranieri.
  • 114 le sanzioni amministrative elevate.
  • rintracciate 4 persone scomparse, tra cui 1 minore.
  • Sono stati, inoltre, effettuati 2.042 servizi di vigilanza nell’ambito degli Scali ferroviari viaggiatori e merci, mentre 171 sono stati quelli specifici di antiborseggio negli impianti F.S. e sui treni.
  • su 782 treni viaggiatori del trasporto regionale e della lunga percorrenza diurna/notturna (delle tratte Lecce-Bologna, Bologna-Lecce, Bari-Roma e Roma-Bari) è stata assicurata la presenza di 458 pattuglie della Polizia Ferroviaria.
  • 175 sono stati i servizi di pattugliamento lungo le linee ferroviarie per il contrasto dei furti di cavi di rame in esercizio in danno delle Imprese ferroviarie, con il controllo anche di depositi di materiale ferroso/rottamai, sottoposti a verifica amministrativa.

Nell’ambito dei sopra indicati controlli, il 12 agosto personale del Posto di Polizia Ferroviaria di Barletta traeva in arresto, in flagranza di reato, un barlettano, pregiudicato, che in piazza Conteduca si rendeva responsabile di tentato omicidio nei confronti di un pregiudicato canosino.

Il 30 agosto sempre il personale del Posto di Polizia Ferroviaria di Barletta arrestava, in flagranza di reato, un cittadino nigeriano, che, trovato sprovvisto di biglietto di viaggio, aggrediva il Capotreno dell’IC 703 (Roma-Bari), procurandogli la fratture delle costole.

Il 19 agosto una pattuglia della Polizia Ferroviaria notava una ragazza nigeriana che vagava all’interno della Stazione di Bari Centrale in evidente stato di difficoltà. Così veniva sottratta dalla strada una giovane che era quindi accompagnata negli uffici della Polfer e rifocillata. La nigeriana riferiva di essere incinta e di avere un altro figlio piccolo temporaneamente affidato ad un’amica. Gli accertamenti consentivano di verificare l’esistenza di un provvedimento del Tribunale di Lecce a tutela della ragazza e del bambino con previsione di inserimento in una comunità. La ragazza veniva poi collocata in una casa protetta della provincia di Bari.

L’attività della Polizia Ferroviaria, quindi in questo periodo, è stata improntata anche all’assistenza di persone in difficoltà, deboli, senza fissa dimora, che gravitano in ambito ferroviario, nonché verso i tanti viaggiatori, italiani e stranieri, che si sono rivolti agli uomini della Specialità per richieste di aiuto in relazione allo smarrimento di bagagli, documenti, telefoni cellulari etc., ma anche per essere rassicurati in ordine alle condizioni di sicurezza del trasporto ferroviario in generale.