“Parto e poi ritorno…Forse” presso la Cittadella degli Artisti di Molfetta

4

digiuno

Sabato 11 dicembre l’iniziativa organizzata dal Collettivo Magnitudo in collaborazione con la Cittadella degli Artisti, che prevede un variegato programma che coniuga teatro, danza e yoga per celebrare le festività natalizie imminenti sotto il segno del viaggio e del ritorno

MOLFETTA (BA) – Il viaggio inteso come crescita, ma anche come addio, come una riscoperta e una ricerca di se stessi. Questo il tema centrale di “Parto E Poi Ritorno … Forse”, evento di spettacolo in programma sabato 11 dicembre alla Cittadella degli Artisti e ideato dal Collettivo Magnitudo per festeggiare insieme l’arrivo del Natale e evocare il suo valore più profondo e universale di unione e rinascita.

D’altra parte, Natale è il momento in cui si riuniscono le famiglie, chi è lontano spesso torna a casa ritrovando nel proprio luogo d’origine quel senso di accoglienza che solo la propria terra e i propri cari sono in grado di donare.

Durante la serata, dunque, il tema del viaggio sarà raccontato attraverso l’arte, tra teatro, danza e yoga.

Inizio alle ore 20.30 con la performance teatrale di e con Isabella Ragno dal titolo “Ti scrivo una lettera. Il viaggio di Edda”. Ispirato allo spettacolo “Effetto San Domino” di Enrica del Rosso, vedrà la protagonista confrontarsi con il pubblico sulle difficoltà di partire e di tornare, condite da speranze e delusioni.

A seguire, andrà in scena lo spettacolo “Digiuno”, coprodotto dal Collettivo Magnitudo e dalla Compagnia Oltredanza di Matera. Filo conduttore della performance è il tentativo di rispondere a una domanda, complessa quanto attuale: la fuga nei giovani è una necessità o una condizione? Lo spettacolo, con regia e coreografia a cura di Lidia Di Girolamo e la consulenza coreografica di Marco Magrino, vede nel cast i danzatori Serena Di Lecce, Stefania De Mattia e Mauro Losapio.

Oltre agli spettacoli, nello stesso pomeriggio si terrà il laboratorio di yoga condotto da Susanna Petruzzella, insegnante del metodo Iyengar dello studio Namas di Bisceglie. Un’occasione rivolta sia a principianti che esperti per esplorare le possibilità del proprio corpo e imparare a migliorarsi, attraverso il fluire del respiro, raggiungendo la versione migliore di noi stessi.

A conclusione del laboratorio, seguirà un break conviviale, allietato da una calda tisana, durante il quale saranno presentati i prossimi appuntamenti del progetto “In&Out. Giovani in relAZIONE” destinati ai ragazzi under-30 in collaborazione con Malalingua e Progetto Creazioni.