Omicidio Sonia Di Maggio, l’agghiacciante racconto del fidanzato

13

MINERVINO DI LECCE – “Stavamo andando al supermercato io e lei da soli, poi è sbucato lui, l’ha presa dal collo e ha cominciato ad accoltellarla, e ha continuato dandole più di una ventina di coltellate. Lei ha cercato di liberarsi e io nel frattempo stavo cercando aiuto e non c’era nessuno, poi mi sono messo ad urlare ed è arrivato qualcuno. Ma lui era già scappato e lei stava a terra”.

È il racconto agghiacciante fatto in diretta tv a ‘Mattino Norba’ da Francesco Damiano, carpentiere di 29 anni, il fidanzato di Sonia Di Maggio (foto) che era con lei al momento dell’omicidio, avvenuto ieri sera a Minervino di Lecce. La vittima aveva 29 anni ed era con il compagno quando il suo carnefice l’ha colpita con oltre 20 coltellate in strada.

Francesco racconta di aver riconosciuto l’omicida perché l’aveva visto più volte sui social. Non gli risulta che avesse minacciato Sonia, “ma – racconta – non accettava che lei lo avesse lasciato, le mandava messaggi”. Ha confermato la circostanza riportata da alcuni giornali secondo cui l’omicida voleva inizialmente uccidere lui e si sarebbe poi accanito su Sonia quando questa ha cercato di difenderlo: “Ha fatto quello che voleva fare – conclude – e se ne è andato”.