A Novoli “Padri, madri, eroi”: nuovi appuntamenti al Teatro Comunale

12

Sabato 23 aprile va in scena “L’ultima eredità” di Oscar De Summa, domenica 24 aprile “La storia di Hansel e Gretel”

NOVOLI – Al Teatro Comunale di Novoli con “L’ultima eredità” di Oscar De Summa (sabato 23 aprile alle 21) e “La storia di Hansel e Gretel” della compagnia tarantina Crest (domenica 24 aprile alle 17:30) prosegue “Padri, madri, eroi”, Stagione promossa da Comune di Novoli, Teatro Pubblico Pugliese e Factory Compagnia Transadriatica in collaborazione con Blablabla nell’ambito della rete Teatri del Nord Salento che coinvolge anche i comuni di Campi Salentina e Trepuzzi.

Il week end prenderà il via dunque sabato 23 (ore 21 – ingresso 10 euro/ridotto 8 euro) con “L’ultima eredità” di e con Oscar De Summa, la storia di un doppio viaggio, geografico ed emotivo. Alla notizia del peggioramento delle condizioni di salute del padre, il protagonista torna a casa per un ultimo saluto e, come lui stesso dice, mentre va, torna, in un viaggio che ripercorre tutta la vita. Il percorso di ritorno verso i luoghi dell’infanzia e dell’adolescenza è, per il protagonista, anche il percorso di ritorno verso quell’infanzia e quell’adolescenza da cui credeva di aver preso distanza, da cui era fuggito e non credeva sarebbe mai ritornato. Una volta arrivato a destinazione trova il padre nel letto, addormentato, in piena notte. Giusto il tempo di un ultimo saluto, di un’ultima raccomandazione, la più importante, quella che resta nel tempo come segno e sigillo di ciò che è stato. Ma anche un ringraziamento che porta con se la consapevolezza che il padre sarà sempre, nonostante tutto, una sua fonte di insegnamento. Da qui l’ultima eredità: con l’arrivo della morte, di riflesso, la riscoperta del valore della vita.

Domenica 24 aprile (ore 17:30 ingresso 8 euro/ridotto 6 euro) ultimo appuntamento di “Ci vuole un fiore – famiglie a teatro” con “La storia di Hansel e Gretel” della compagnia Crest su testo di Katia Scarimbolo con scene, luci e regia di Michelangelo Campanale con Catia Caramia, Cinzia Greco, Giuseppe Marzio, Luigi Tagliente. Nella regione tedesca dello Spessart esiste ancora una fitta foresta, difficile da attraversare con i suoi pochi e aspri sentieri, resi ancora più difficoltosi da giganteschi e ombrosi pini e faggi, i cui rami intralciano il cammino. Per i contadini della zona è “il bosco della strega”, per via di un rudere con i suoi quattro forni e della storia di una donna bellissima che, con i suoi dolci magici, catturava quanti, perdendosi nel bosco, arrivavano nei pressi della sua casa. Sembra essere questa l’origine della fiaba di Hansel e Gretel, racconto “ombroso” come il bosco, reso ancora più inquietante dalla presenza di una donna che appare ai due fratellini bellissima, accogliente e materna, ma strega che inganna e mangia i bambini. Nello spettacolo, come nella fiaba, la sua presenza getta una luce mutevole su ogni passaggio della storia: il giornaliero inganno dell’immagine nasconde verità opposte o semplicemente più complicate. La casa, il bosco, il sentiero illuminato dai magici sassolini, le piume lucenti del cigno, tutto gira e si trasforma, per poi ritornare con una luce nuova, come il sole ogni mattina. Cos’è buono? Cos’è brutto? Ciò è vero o ciò appare? Quel che vorreste non è reale. Quel che vorreste forse fa male. Non lasciatevi ingannare. Non lasciatevi incantare. In tempi di recessione economica, raccontare ai bimbi della società dei consumi una favola che prende avvio proprio dalla prosastica difficoltà di un padre e di una madre a sfamare i figli può non essere un esercizio di stile. Del resto, le favole non lo sono mai. Quali ansie d’abbandono, paura di non vedere soddisfatti i propri bisogni, quali fantasmi prendono corpo in bambini che sentono minacciata la propria avidità di benessere? Uno spettacolo sospeso tra realtà e favola, perché i bambini imparino a dare valore alle cose e soprattutto alla loro capacità di discernere e conquistarle, a superare la dipendenza passiva, quella dai genitori e quella… dall’abbondanza.

La stagione proseguirà con il duo Nardinocchi – Matcovich con “Arturo” (30 aprile a Trepuzzi), Sara Bevilacqua con il toccante “Stoc Ddo'” (7 maggio a Campi Salentina), e Salvatore Cosentino con “Addirittura padre” (14 maggio a Novoli).

Accesso agli spettacoli nel rispetto delle norme anticovid –
Super green pass (+12 anni) e mascherina ffp2
Info e prenotazioni: 3208607996 – 3290474358 – 3403129308