Nel villaggio medievale di Roca Nuova la IV edizione del “Roca Nuova Fest” con Pietro Roffi e Dalila Spagnolo

17

dalila spagnolo (ph giuseppe tafuro)

MELENDUGNO (LE) – Nel suggestivo villaggio medievale di Roca Nuova, secondo appuntamento della IV edizione del “Roca Nuova Fest” in programma domenica 5 settembre (ore 21.00 – ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria – https://forms.gle/mtrMnjWB7F5ibaRB8 ) per una rassegna che trova ispirazione e stimolo nell’accostamento tra antico e nuovo, tra tradizione e ricerca, tra musica e paesaggio naturale.

La rassegna, che nelle edizioni precedente ha ospitato musicisti d’eccezione come il duo Hasa-Mazzotta, Roberto Ottaviano, La Cantina de la Serena, quest’anno vedrà esibirsi sul palco artisti dal forte impatto emozionale sul pubblico, formazioni che da anni si contraddistinguono per la meticolosa ricerca nei suoni contemporanei, in un sito di rara bellezza ai piedi della torre cinquecentesca nel villaggio medievale disabitato di Roca Nuova.

Dopo il primo appuntamento con Alessandro D’Alessandro e Ziad Trabelsi (Orchestra di Piazza Vittorio), protagonisti del “Roca Nuova Jazz Fest” saranno domenica 5 settembre il talentuoso fisarmonicista Pietro Roffi che presenterà l’album 1999 e la “cantautrice di fragilità” Dalila Spagnolo.

Pietro Roffi è un fisarmonicista classe 1992. Il suo album d’esordio “1999” è una raccolta di storie musicali che descrive alcuni tratti del viaggio di Pietro con la fisarmonica. Un viaggio che dura da vent’anni. Un viaggio attraverso i vicoli e le mura dei paesi in cui è cresciuto o in cui è capitato, attraverso cieli stellati di paesi lontani o attraverso intime riflessioni ed esperienze illuminanti dell’infanzia. Un viaggio attraverso le sue radici, quelle della campagna intorno a Roma, e viaggi in paesi lontani migliaia di chilometri. Questi brani raccontano spesso di distanze e lontananze da luoghi, distanze da persone o sensazioni vissute spesso anche una sola volta ma che ancora risuonano dentro con forza.

Dalila Spagnolo è una cantautrice di Fragilità. Il suo album d’esordio “Fragile” valorizza la bellezza di suoni, ritmi e atmosfere provenienti da diverse parti del mondo (West Africa, Marocco, Egitto, Palestina, Europa), abbinate ad una musicalità tipica del pop più cantautoriale, una vocalità delicata ed una sperimentazione dell’elettronica. Ad accompagnare Dalila Spagnolo ci sarà il Luigi Russo alle tastiere e Marco Piazzolla alla chitarra, una speciale formazione in trio che propone uno spettacolo intimo e delicato, per entrare in sintonia con la sensibilità del pubblico e smuoverne l’emotività.

In ottemperanza alle nuove disposizioni previste dal Decreto Legge n. 105 del 23 luglio 2021, a partire dal 6 agosto 𝗽𝗲𝗿 𝗮𝗰𝗰𝗲𝗱𝗲𝗿𝗲 a tutti gli eventi 𝘀𝗲𝗿𝘃𝗶𝗿𝗮̀ 𝗻𝗲𝗰𝗲𝘀𝘀𝗮𝗿𝗶𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗶𝗹 𝗚𝗿𝗲𝗲𝗻 𝗣𝗮𝘀𝘀. Il Green Pass viene rilasciato a fronte della 𝗰𝗼𝗽𝗲𝗿𝘁𝘂𝗿𝗮 𝘃𝗮𝗰𝗰𝗶𝗻𝗮𝗹𝗲 (in tal caso ha validità dal quindicesimo giorno successivo alla prima somministrazione), oppure con 𝘁𝗮𝗺𝗽𝗼𝗻𝗲 𝗻𝗲𝗴𝗮𝘁𝗶𝘃𝗼 𝗲𝗳𝗳𝗲𝘁𝘁𝘂𝗮𝘁𝗼 𝗻𝗲𝗹𝗹𝗲 𝟰𝟴 𝗼𝗿𝗲 𝗽𝗿𝗲𝗰𝗲𝗱𝗲𝗻𝘁𝗶, o a seguito della 𝗴𝘂𝗮𝗿𝗶𝗴𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗺𝗮𝗹𝗮𝘁𝘁𝗶𝗮. In caso di tampone negativo, il Green Pass ha una validità di 48 ore dall’esecuzione del test.

Il Roca Nuova Festival è organizzato da Zero Nove Nove con il contributo del Comune di Melendugno. L’iniziativa culturale rientra nella programmazione estiva del “Blu Festival”.