Mola di Bari, la Banda Osiris nello spettacolo “4.0” che celebra 40 anni di attività della formazione

12

 

MOLA DI BARI (BA) – Con il poetico e pirotecnico show intitolato «4.0», la Banda Osiris continua a festeggiare anche in Puglia quarant’anni di attività, tutti spesi all’insegna della musica e dell’ironia. L’appuntamento è per venerdì 3 settembre (ore 21.15) nell’ambito dell’AgìmusFestival, non più nel chiostro Santa Chiara, bensì nella più capiente Arena Castello del lungomare Dalmazia. Una variazione concordata dagli organizzatori con l’Amministrazione Comunale di Mola di Bari, che ha scelto di finanziare l’evento consentendo una revisione del costo del biglietto a soli 2 euro. Pertanto, chi ha già acquistato l’ingresso alle precedenti condizioni ha ricevuto una comunicazione riguardante la possibilità di ottenere la conferma dei posti acquistati e il rimborso della differenza rispetto alla somma precedentemente versata. Info 368.568412 – 393.9935266. Biglietteria online https://www.associazionepadovano.it/acquisto/.

Nata a Vercelli nel 1980 come band di musicisti-comici ambulanti e oggi considerata la massima espressione in Italia della comicità nel teatro musicale, la formazione si esibirà in una serata speciale. Sarà una grande festa fedele a un’idea di divertissement unica nel panorama musicale italiano, con uno spettacolo ricco e sorprendente pensato in un gran circo di luci e idee singolari, oltre che di musica. Il feeling con il pubblico di Sandro Berti (mandolino, chitarra, violino, trombone), Gianluigi Carlone (voce, sax, flauto), Roberto Carlone (trombone, basso, tastiere) e Giancarlo Macrì (percussioni, batteria, bassotuba) è immediato. E la musica sfiora corde impensabili, fuori dal tempo, trasformandosi in un fermo immagine divertente, dinamico e potente. Nello spettacolo si alternano e si fondono canzoni, gag, poesia visiva e poesia ermetica, voci, suoni e parole, melodie strappalacrime, immagini di festa, riso e risate, canti popolari e ritmi sudamericani, invenzioni surreali e balletto classico, passaggi repentini da Mozart a Buscaglione. E poi tanti strumenti musicali: ideali, ipotetici, psichedelici, incredibili e futuristici, suonati e inventati, spiegati e spietati. Tutto dentro un frullatore che segue i ritmi di un teatro comico ad orologeria, sempre pronto a esplodere in situazioni esilaranti attraverso quarant’anni di ricordi, ripercorsi non necessariamente in ordine cronologico, ma attraverso libere associazioni.

La programmazione STAGIONi_2021 (XXVII) _AgìmusFestival, nell’ambito del progetto Orfeo Futuro, rete di musica d’arte, è organizzata da A.G.ì.MUS. (Associazione Giovanni Padovano Iniziative Musicali) di Mola di Bari con la direzione artistica di Piero Rotolo e si avvale del sostegno e patrocinio del Ministero della Cultura, della Regione Puglia, del Comune di Mola di Bari, e del contributo di Fondazione Puglia, Geopharma srl, VitalVernici srl, Studio chimico dott. D’Aprile, GFM Endocrinologia e Metabolismo del dott. Francesco Gentile.