Mafia: sequestrati beni per 1,5 milioni a un 43enne foggiano

5

FOGGIA – Sequestrati beni mobili e immobili, tra cui 16 tra appartamenti e box per un valore complessivo di un milione e 652mila euro a un 43enne di Torremaggiore (Foggia). È’ l’esito dell’operazione condotta dai militari della guardia di finanza e dai carabinieri che hanno eseguito una misura di prevenzione patrimoniale del sequestro anticipato a carico dell’uomo su richiesta della Procura di Foggia, emessa dal Tribunale di Bari – III^ Sezione Penale – Misure di Prevenzione.

Il 43enne ha precedenti per reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, armi, stupefacenti, estorsione, autoriciclaggio e reati fiscali. Nel dicembre 2019 è stato arrestato nell’ambito dell’operazione “Hydra”, per aver fatto parte di un’associazione a delinquere dedita alle truffe ai danni dell’Inps, al riciclaggio, ai reati fiscali. L’uomo è anche ritenuto vicino a un noto clan foggiano. Nello specifico, i militari hanno sequestrato 16 immobili che si trovano tra San Paolo Civitate e Rodi Garganico (Foggia); le quote societarie di due aziende di Torremaggiore, 4 auto, 5 conti correnti e 2 polizze assicurative.