Luca Carboni a Cagnano Varano, il programma del gran finale della Festa Patronale

cagnano varano

I dettagli

CAGNANO VARANO (FG) – Si avvia al gran finale la Festa Patronale di Cagnano Varano, che domani vivrà il suo giorno più importante, la Festa di San Cataldo.

Si parte alle ore dopo 9,45 il raduno delle Autorità Civili, Militari e delle Associazioni a Palazzo di Città, il corteo con in testa il gonfalone si muoverà verso la Chiesa Madre dove alle 10.30 c’è Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Franco Moscone, vescovo della diocesi di Manfredonia.

Seguirà la Processione per le vie del paese, accompagnata dalla “Banda Musicale Città di Cagnano Varano”, con in conclusione i tradizionali fuochi pirotecnici in piazza Giannone.

Alle ore 21.00 in Piazza Giannone: estrazione della lotteria Feste Patronali Cagnano Varano, seguita alle 22 dal concerto di Luca Carboni.

Il pop d’autore di Carboni nel live sorprenderà con uno show colorato, in cui le immagini raccontano e amplificano il lavoro musicale che vive di una scaletta con i grandissimi successi e le canzoni, sempre ai vertici delle classifiche radiofoniche, degli ultimi due progetti POP-UP e SPUTNIK.

Un percorso nel tempo, in cui è possibile ascoltare anche sonorità diverse, appartenenti ad altre epoche.

Il viaggio musicale di LUCA CARBONI partito negli anni ’80 continua fino ad oggi con grande successo nel segno dell’attualità, aperto alle collaborazioni con gli artisti della nuova scena italiana.

Con SPUTNIK un album potente, diretto, essenziale uscito a giugno LUCA CARBONI si è confermato ancora una volta uno straordinario hit maker con testi ironici e nello stesso tempo profondi, un suono che è impossibile togliersi dalla testa: l’artista conosce alla perfezione l’arte del POP.

SPUTNIK è un disco 100% Carboni, fatto di nove canzoni perfette che raccontano al meglio il suo sguardo, l’oggi e lascia poco spazio a nostalgie passatiste, ma piuttosto si concentra sul presente e guarda con occhi aperti e la giusta vena di poesia il futuro.

Con lui sempre la sua band con Antonello Giorgi alla batteria, Ignazio Orlando al basso, Mauro Patelli e Antonello D’Urso alle chitarre, Fulvio Ferrari Biguzzi alle tastiere.