Lecce, Scipione Ammirato: tocca al Terzo Settore

scipione ammirato

I dettagli

LECCE – Approvata ieri in Consiglio comunale la delibera relativa alla sottoscrizione della convenzione tra Comune di Lecce e Fondazione con il Sud, con la quale si dà il via alla seconda fase del bando Il bene torna comune, al quale la Giunta aveva candidato l’immobile dello Scipione Ammirato su proposta dell’assessore all’Urbanistica e al Patrimonio Rita Miglietta insieme alle assessore alle Politiche Giovanili Silvia Miglietta e alla Cultura Antonella Agnoli nel marzo scorso.

Lo Scipione Ammirato, selezionato tra 145 proposte, sarà uno dei 14 immobili nel Sud Italia idoneo a ospitare attività socio culturali. Con la sottoscrizione della convenzione, il Comune si impegna a cedere per almeno 10 anni l’immobile in affitto alle realtà del terzo settore che saranno selezionate dal bando sulla base del progetto di valorizzazione.

Le associazioni di Terzo settore interessate potranno sin da subito mettersi al lavoro per proporre idee e progetti che valorizzino questa parte importante del patrimonio comunale. Da agosto a ottobre, le realtà associative potranno candidare progetti socio-culturali per la valorizzazione del bene in un’ottica di uso comune e di restituzione alla collettività degli immobili. La proposta selezionata da Fondazione con il Sud sarà finanziata fino ad un massimo di 500mila euro. “Le proposte progettuali potranno essere presentate da partnership composte da almeno tre soggetti, di cui due organizzazioni di Terzo settore, oltre a istituzioni, università, mondo economico e della ricerca – si legge nel bando – Le proposte dovranno prevedere interventi capaci di generare concreti effetti positivi, in termini di sviluppo socio-economico, per la comunità locale”.

Il progetto di rigenerazione dell’Ammirato – dichiara l’assessore all’Urbanistica e al Patrimonio Rita Miglietta – entra adesso in una nuova fase, quella relativa alle idee e alle proposte delle realtà associative locali che, insieme e con il supporto del Comune di Lecce, potranno candidare i propri progetti per il recupero architettonico e la gestione di questa importante parte di patrimonio pubblico. A breve, con la collaborazione di Fondazione con il Sud, organizzeremo degli incontri pubblici per presentare il bando e per fornire ai soggetti interessati tutte le indicazioni necessarie per redigere i propri progetti”.