Lecce, riapertura del bando regionale “Titolo II Turismo” per gli stabilimenti balneari: un’occasione di crescita e sviluppo

Chiesa di Santa Irene Lecce

Grande soddisfazione esprime il Presidente del SIB – Confcommercio Lecce, Vito Vergine, per il risultato raggiunto dall’attività del sindacato dei balneari

LECCE – «La scelta dell’Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Puglia di rivedere e riaprire il bando “Titolo II Turismo” per gli stabilimenti balneari, concedendo di fatto nuovi finanziamenti agli imprenditori del settore, rappresenta un ulteriore passo in avanti verso il sostegno allo sviluppo turistico del nostro territorio.» è quanto afferma il Presidente provinciale del S.I.B. – Sindacato Italiano Balneari di Confcommercio Lecce, Vito Vergine, all’indomani della notizia data dall’Assessore Cosimo Borraccino.

«Si tratta di un risultato di grande valore – sostiene il presidente del SIB Confcommercio Lecce – raggiunto grazie ad una attività sindacale volta a richiamare l’attenzione delle istituzioni alle esigenze della categoria dei balneari, inviando nei giorni scorsi una lettera all’Assessore allo Sviluppo Economico Cosimo Borraccino e all’Assessore al Turismo della Regione Puglia, Loredana Capone, affinchè si procedesse ad una riapertura dei termini di presentazione delle domande di accesso al Bando “Titolo II Turismo” riservato alle imprese del comparto

Alla luce della proroga delle concessioni demaniali per altri 15 anni, approvata dal Parlamento Italiano, che attenua gli effetti negativi della “Direttiva Bolkestein” sugli stabilimenti balneari, «la riapertura del bando e dunque l’accesso a nuovi finanziamenti – afferma Vito Vergine – consentirà agli imprenditori del comparto di investire nell’ammodernamento e nell’eventuale ampliamento delle proprie strutture, con ripercussione sicuramente positive sull’intero comparto turistico e in un’ottica di innalzamento qualitativo dell’offerta turistica regionale

Prosegue dunque l’attività sindacale del SIB Confcommercio Lecce mediante intense relazioni con le istituzioni del territorio regionale e locale a tutela dei numerosi operatori del settore.