A Lecce “Pe(n)sa” differente”

56

Alle Officine Culturali Ergot di Lecce con la proiezione di “Metamorfosi”

metamorfosiLECCE – Interessante anteprima per l’edizione 2016 di “Pe(n)sa differente” – festival ideato e organizzato da “ONLUS Salomè associazione scientifico-culturale” e “Big Sur, laboratorio di immagini e visioni”, diretto scientificamente da Caterina Renna – che trasformerà anche quest’anno Lecce e il Salento, dal 15 al 18 giugno, in un coloratissimo laboratorio internazionale sull’espressione creativa e la bellezza libera da ogni omologazione.

Appuntamento domani alle 18.30 presso le Officine Culturali Ergot di Lecce con la proiezione del documentario di Paolo Lipartiti e Sergio Cammarota “Metamorfosi”, serata a cura di “Pe(n)sa differente”, “SALOMÈ”, “Big Sur”, “Salento Rainbow Film Fest”.

Il documentario, cui seguirà un dibattito, affronta infatti uno dei temi della 9a edizione di “PE(N)SA DIFFERENTE”: la necessità di riflettere a fondo sulle differenze, di conoscerle, di prendere confidenza con le stesse, al fine di rendere possibile l’espressione piena dell’identità di ciascuno senza censure, pregiudizi o violenza, ma – al contrario – con rispetto, attenzione, amore.

Due coraggiose storie che raccontano il dolore, la fatica e le gioie del percorso di cambio di sesso. Durante l’atmosfera intima di una cena, due persone, Miki e Stefania, raccontano la loro storia, affermando con forza l’esigenza di essere ri-conosciute nel genere sessuale nel quale si identificano, non in quello biologico di nascita, e ripercorrendo le vicende che hanno scandito il loro percorso di crescita, di consapevolezza e di transizione, fino alla decisione sofferta ma liberatoria di riassegnazione chirurgica e autodeterminazione dei loro corpi.

Una trasformazione che non riguarda solo il corpo fisico, ma anche quello sociale e la vita intima delle persone, con un interesse particolare alle diverse dinamiche relazionali e affettive che vivono. La transessualità, vissuta lontano dagli stereotipi in cui per decenni è stata semplicisticamente rinchiusa, prende luce in una dimensione nuova, rivelando persone bisognose di normalità, di libertà, di famiglia, di amarsi e amare.